Quantcast

Un libro a più voci sul top manager calabrese Antonello Stanizzi

Realizzato a più voci è stato presentato alla Salone del Libro che si è da poco concluso a Torino

Più informazioni su

    Nell’ultimo giorno di apertura del Salone Internazionale del Libro di Torino è uscito, fresco di stampa, il volume: “Antonello Stanizzi a più voci – Dall’Età della Spensieratezza al Top Manager della Pubblicità”. Un gruppo di operatori culturali ha annunciato che verrà proposto per la presentazione al prossimo Salone Internazionale.

    Dopo la morte di Antonello Stanizzi, avvenuta a Negrar (Verona) il 24 luglio 2017, sono pervenute ai famigliari continue richieste e sollecitazioni da parte di manager, colleghi, intellettuali e amici; è iniziata così la raccolta di testimonianze, ricordi, aneddoti, fotografie, giornali, che ha dato vita ad un vero e proprio documento biografico, storico, sociologico e culturale di grande interesse. Una sorta di biografia collettiva condensata in 320 pagine, a cura dei fratelli Francesca e Luigi Stanizzi. Antonello, partito da “Ragazzo di Calabria”, ha scalato le vette più alte della pubblicità italiana con Manzoni & C, Athesis, Publiadige, Rcs ed altre agenzie.

    Le “voci” che hanno contribuito alla realizzazione dell’opera ricordano l’uomo, il giornalista, il top manager con testimonianze inedite. Narrano un’ epoca, a cavallo tra due secoli, a partire dagli anni ’50 fino ai giorni nostri.

    Ecco i “nomi delle voci”: Giuseppe Soluri, presidente dell’Ordine del giornalisti della Calabria; Tommaso Federico Maria Stanizzi, manager; Nicola Bagetta, primario ospedaliero; Enzo Basile, imprenditore; Gaetana Basile, impiegata; Salvatore Basile, luogotenente Guardia di Finanza; Natale Callipari, avvocato, presidente di vari organismi; Paolino Camastra, dottore commercialista già amministratore pubblico; Filippo Campagna, imprenditore; Mariasole Caramuta, studentessa; Stanislao Caramuta, manager; Valentina Caramuta, studentessa universitaria; Aldo Casalinuovo, avvocato, docente universitario; Salvatore e Maria Concetta Caudarella, preside e docente; Luigi Cimino, musicista, compositore, docente; Pasquale Commisso, imprenditore; Mario Colosimo, capostazione FdC; Marilena Funaro, docente; Pietro Funaro, avvocato, governatore Lions; Marcello Furriolo, giornalista, già sindaco di Catanzaro; Giuseppe Gualtieri, prefetto; Alfonso Guzzi, ingegnere; Marilina Urbano, professoressa; Angelino Grano, commissario pubblica sicurezza, presidente Proloco Cropani; Pino Grano, ingegnere, manager; Giampiero Grano, imprenditore; Francesco Guzzi, docente; Giovanni Guzzi, muratore; Antonio Lavitola, dirigente medico; Nicola Marra, odontoiatra, giornalista sportivo; Sebastiano Murfone, impiegato scolastico; Angelo Olivadese, ingegnere libero professionista; Giovanni Olivo, primario urologo; Eduardo Piraino, ingegnere; Giuseppina Mercurio, docente; Bruno Pelaggi, impiegato; Assunta Cardamone, impiegata; Antonino Lia, dirigente Poste Italiane; Maurizio Putrone, giornalista; Bruno Risoleo, psichiatra infantile dirigente medico; Lina Romano, Rosario Grano, imprenditori agricoli; Francesco Rotundo, avvocato, magistrato presso la Corte d’appello di Reggio Calabria; Gianluca Ruggieri, musicista, compositore, docente Accademia Santa Cecilia; Tina e Luigina Schipani, insegnanti; Serafino Schipani, poeta, maestro elementare; Armanda Servino, magistrato; Lucia Servino, impiegata; Raffaella Sinopoli, tecnico di laboratorio biomedico; Michele Spagnuolo, manager; Angelo Spasari, primario ospedaliero; Igor Staglianò, inviato speciale del TG1, già assessore all’Ambiente Regione Piemonte; Francesco Stanizzi, artista musicale; Giuseppe Stanizzi, direttore generale Banca di Credito cooperativo Centro Calabria; Pino Stanizzi, imprenditore; Michele Stanizzi, Vicequestore vicario; Michelino Stanizzi, commissario pubblica sicurezza, cavaliere della Repubblica, musicista; Rosario Stanizzi, giornalista, capo servizio Agi, vicesegretario Sindacato giornalisti Calabria; Tommaso Stanizzi, avvocato, assessore comunale alla cultura; Pasquale Talarico, scrittore, opinionista; Aquilina Rosalba Tavano, docente, giornalista; Caterina Vazzana, docente; Donato Veraldi, senatore della Repubblica, già parlamentare e presidente Regione Calabria; Franco Zaccanelli, docente, artista. Si ringraziano il Sindacato Libero Scrittori Italiani corso Vittorio Emanuele Roma, l’Ordine dei Giornalisti di Calabria, l’Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace.

    Più informazioni su