Quantcast

Ingoia cucchiaio di legno, 42enne salvato al Pugliese

Lo aveva usato per spingere un pezzo di pane e formaggio che gli era rimasto nell'esofago. 

Più informazioni su


    Esperienza terribile con lieto fine per un uomo di 42 anni di Davoli che ha rischiato la vita per un “boccone amaro”. La notte tra sabato e domenica il 42enne stava cenando nella sua abitazione quando si è accorto che un boccone gli era rimasto nell’esofago. A quel punto, in preda al panico, ha pensato di prendere un cucchiaio di legno per spingere il boccone nello stomaco. Risultato? Impresa riuscita a metà: oltre al suo prelibato pane e formaggio è finito nello stomaco anche il cucchiaio di legno. Corsa all’ospedale di Soverato e poi il trasferimento immediato al Pugliese dove è stato operato d’urgenza dall’equipe medica costituita dalla dottoressa Teresa D’Amico gastroenterologa e dal dottor Pietro Maglio anestesista rianimatore e dall’equipe infermieristica costituita da Concetta Gandolfo, Luana De Nardo e Nicola Anoia. “I rischi – ci spiega il dottor Maglio intervistato da catanzaroinforma.it per il paziente erano duplici: c’era la possibilità che il manico di legno nella sua estremità appuntita lacerasse l’esofago durante le manovre di estrazione e per il rischio di ab-ingestis dovuta alla presenza di cibo nello stomaco. Per evitare questi rischi il paziente è stato addormentato ed intubato per via oro-tracheale per proteggere le vie aeree e garantire il comfort e le funzioni vitali durante l’intervento avvenuto in endoscopia, è stata a poi l’abilità della dottoressa D’Amico a fare il resto. Il corpo estraneo- raccontano i medici – è stato infatti rimosso senza provocare danno alcuno. Il paziente è stato risvegliato ed affidato alle Cure della OBI di pronto soccorso”.

    Gianluigi Mardente 

    Più informazioni su