Chiude la mostra ‘Natività 2.0’

A Taverna chiusura della mostra "Nativita 2.0" e, contestualmente, la presentazione del nuovo evento museale con protagonista Vinicio Momoli

Più informazioni su


Concluso con successo l’evento museale “Natività 2.0, la nascita di Cristo riletta oggi”; la mostra, innovativa nel suo genere, è stata pensata e realizzata grazia alla sinergia tra l’Associazione culturale Cosmos Tre presieduta dallo storico dell’arte Bruno Bevacqua  e la direzione del museo civico di Taverna affidata fin dalla sua istituzione a Giuseppe Valentino.

Una esposizione “differente” che ha consentito ai tanti visitatori accorsi di approcciarsi ad una interpretazione decisamente fuori dai canoni di uno dei temi fondanti  della cristianità ma anche  dell’arte nel corso dei secoli. Protagonisti della mostra alcuni tra gli artisti contemporanei di maggior rilievo nel panorama nazionale, tra loro: Joseph Zicchinella, Massimiliano Ferragina, Dorotea Li Causi, Massimo Sirelli,Enzo Angiuoni, Leonardo Cannistrà, Francesco Gabriele, Nicola Bevacqua, Claudio Mario Feruglio, Rosa Spina, Augusto Ambrosone, Giancarlo Caneva, Calogero Barba, Lillo Giuliana,Carmine Torchia,  Giuseppina Riggi, Francesco Antonio Caporale.

Ed è stato proprio quest’ultimo a suggellare questo interessante periodo espositivo con una interessante e partecipata lezione di storia dell’arte impartita ai ragazzi dell’istituto comprensivo di Taverna e contestualizzata nel progetto “Amico Museo” avviato con successo dalla cooperativa Artè, responsabile dei servizi museali di Taverna  presieduta da Maria Puleo. Un esperimento riuscito dunque, che ha soddisfatto tutti gli organizzatori. <Si è trattato di un evento straordinario- ha dichiarato il presidente di Cosmos Tre Bruno Bevacqua- che,  se da una parte ha generato naturale aggregazione considerato il tema dell’esposizione, contestualizzato anche nel periodo natalizio, dall’altra, ha piacevolmente  avvicinato il grande pubblico all’arte contemporanea ed alle nuove frontiere della ricerca sui temi artistici. Una operazione artistica dal grande respiro che ha anche implicato una crescita culturale della collettività,  questo era lo spirito che ci  muoveva, siamo riusciti nell’intento, ringrazio tutti gli artisti coinvolti e Giuseppe Valentino, guida dell’istituzione museale tavernese>.

A testimonianza della bontà del progetto la chiosa del direttore del Museo<Attraverso questa mostra- ha detto  Valentino- gli artisti contemporanei si sono potuti confrontare con le cifre creative dei Maestri del passato, contestualizzando positivamente la loro ricerca. Mi conforta constatare quanto sia  sempre maggiore l’attenzione, nei confronti del museo civico di Taverna, di artisti che, sin dalla sua fondazione, gli hanno riconosciuto il ruolo di luogo dove poter esprimersi e lasciare nel tempo  una traccia del loro passaggio e della loro creatività>. La proficua attività del museo tavernese continua però incessante, ai nastri di partenza infatti, una nuova mostra, dall’8 al 28 febbraio Vinicio Momoli,  artista di caratura internazionale, riconosciuto ed apprezzato da pubblico e critica, esporrà “Espansioni Materiche”;  un evento curato dallo stesso Valentino e da Luigi Polito che testimonia l’incessante lavoro di ricerca dell’artista  e vuole rappresentare l’ennesimo  lavoro di congiunzione  tra  arte e società. Il nuovo allestimento museale  nella città natale di Mattia Preti verrà inaugurato il prossimo 8 febbraio, alle  ore 17,00.     

Più informazioni su