Per la Cassazione l’avvocato Pittelli deve restare in carcere

L’avvocato penalista ha scelto la via del giudizio immediato

Più informazioni su

    L’ipotesi di concorso esterno resta, ancora, in piedi. Per la Corte di Cassazione regge. Ragion per cui l’avvocato penalista deve restare in carcere. Nonostante la Corte di Cassazione abbia annullato i reati di abuso di ufficio. La gravità indiziaria sul concorso esterno resta a carico del penalista per la “la sua capacità di costituire un valido punto di riferimento ben oltre i limiti sottesi alla sua qualità di legale, tale da consentire agli esponenti della consorteria di operare in condizioni di maggiore sicurezza e avvedutezza.  E in questa ottica è del tutto irrilevante che avesse talvolta sollecitato il capo dell’associazione a costituirsi, circostanza di per sé legata ad un determinato frangente e comunque non incidente sulla concreta gestione e operatività della consorteria”.

    Inoltre, tra qualche giorno, partirà l’udienza preliminare per circa 450 imputati, mentre il processo per Pittelli inizierà il prossimo 9 novembre. L’avvocato penalista ha scelto la via del giudizio immediato.

    Più informazioni su