Talerico: “La Calabria ha bisogno di virtuosismi, ha bisogno di volare in alto”

La riflessione dell'avvocato Antonello Talerico sulla situazione sanitaria in Calabria

Più informazioni su

    di ANTONELLO TALERICO  

    Dopo le dimissioni di Cotticelli ed il suo linciaggio mediatico, il dibattito si è concentrato su chi potesse succedere a colui che per via di un “malore” aveva “dimenticato” financo di aver già fatto un piano covid, comunque rimasto inattuato.

    Sennonchè, i nomi che sono stati proposti dalle varie “fazioni” (da Gino Strada a Bertolaso), più che essere la risoluzione dei nostri mali, sono la (ri)prova dei nostri limiti e della nostra mentalità mediocre.

    Da un lato si contesta il commissariamento, dall’altro chiediamo a gran voce al Governo di nominare un commissario “straniero”.

    Se questo non è un complesso di inferiorità, poco ci manca.

    Mi sarebbe piaciuto, invece, leggere comunicati stampa e opinioni accese per invocare con determinazione la fine del commissariamento ridando, così, dignità ed una vera sanità alla Nostra Regione ed a tutti Noi.

    Ma forse è più comodo sparare un grande nome, di quelli su cui nessuno avrebbe, in astratto, nulla da ridire e, che potrebbe piacere alla massa, a prescindere dalla compatibilità rispetto all’obiettivo concreto da raggiungere.

    Ecco questa è una mentalità che i cittadini calabresi NON devono e NON possono più permettersi di avere.

    La Calabria, invece, ha bisogno di virtuosismi, ha bisogno di volare in alto, ha bisogno di cambiamento culturale e di mentalità, partendo proprio dal suo territorio, senza farci colonizzare, come scriveva qualcuno in questi giorni.

    Sennonchè, ciò che è mancato a chi ha gestito la sanità in Calabria è stata la conoscenza della rete ospedaliera e del territorio, il coordinamento tra le strutture sanitarie (hub e spoke), l’adozione dei protocolli per l’assistenza domiciliare dei malati covid, l’attivazione delle USCA territoriali, le assunzioni e la formazione del personale, l’avvio di un tavolo tecnico di confronto per l’attuazione di un piano covid. Insomma l’abc !

    In Calabria la riprova che non abbiamo bisogno di luminari o di curricula altisonanti, ce lo dice la storia di tutti i commissari che abbiamo avuto.

    Ad esempio anche il curriculum del dott. Zuccatelli è di tutto rispetto, ma ciò non è bastato ad evitare le solite criticità, che con la pandemia si sono accentuate, sino ad esporci oggi a serio pericolo.

    Difatti, oramai le unità operative del Pugliese-Ciaccio sono al collasso, anche per via dei plurimi casi positivi di sanitari e degenti, i posti letto per i malati covid sono oramai esauriti ed i nuovi spazi per allocare i nuovi posti ancora non sono stati allestiti, la terapia intensiva e subintensiva è ancora alla ricerca di soluzioni tempestive e sufficienti per i malati covid, le cure per le altre patologie (non covid) non sono più gestibili dall’hub locale, in quanto aumentano le condizioni di promiscuità e criticità nella gestione dei pazienti, che con l’accesso in Ospedale rischiano di rimanere contagiati.

    Il Centro covid presso i locali di Villa Bianca è stato negato dallo stesso Zuccatelli, che aveva ipotizzato, forse, altre soluzioni con quali risultati ?  Catanzaro non è riuscita a dotarsi di alcun Centro covid ed è l’unica Regione d’Italia a non aver speso a non aver speso le ingenti risorse economiche disponibili per l’emergenza covid !

    Lo stesso Zuccatelli è andato, poi, in contrasto – nella sua qualità di commissario dell’A.O. Mater Domini – financo con il Rettore dell’Università UMG di Catanzaro.

    Si aggiunga, ancora, che lo stesso Zuccatelli, in qualità di Commissario dell’Asp di Cosenza, si è visto costretto a rassegnare le proprie dimissioni per non meglio precisati “motivi personali”, a dimostrazione di un difficile e sempre complicato rapporto con il territorio calabrese, con la sopravvenienza di una condizione di assoluta incompatibilità ambientale o perlomeno dell’opportunità di una sua sostituzione.

    Ma poiché ci troviamo in Italia, anzi in Calabria, Zuccatelli viene nominato Commissario ad acta alla sanità in un territorio dove non è riuscito a brillare nella gestione di un hub e di un Asp, ora dovrà gestire la sanità nell’intera Regione !

    Fine dell’ennesima triste storia della Regione Calabria, poiché nel frattempo a parte i pubblici proclami continuiamo a non avere novità in punto di assunzione di personale sanitario, di riorganizzazione e aumenti di posti letto, di attivazione dell’assistenza sanitaria domiciliare, nonostante il repentino aumento dei casi positivi.

     

     

     

     

    Più informazioni su