Quantcast

“A ricordare e riveder le stelle”: il 21 marzo con Libera

Il luogo scelto è l’anfiteatro del Parco della Biodiversità

Più informazioni su

    Il 21 marzo, giorno di risveglio della natura, sarà l’occasione di incontro con i familiari delle vittime innocenti  delle mafie che in Libera hanno trovato la forza di risorgere dal loro dramma, si rinnova la primavera della  verità e della giustizia.

    “Siamo giunti alla 26^ edizione – si legge nella nota  – ma purtroppo come l’anno scorso non vedremo quei  nostri luoghi colorati e animati da tanta gente e da tanti giovani che partecipano creando momenti di approfondimento e di incontro, di relazioni vive e di  testimonianze dando spazio alla denuncia della presenza delle organizzazioni criminali mafiose e delle  connivenze con politica, economia e massoneria deviate”.

    A causa della Covid-19, Libera ha cercato un punto di mediazione tra la necessità di non organizzare grandi  manifestazioni e assembramenti e il bisogno di vivere, in prima persona e con altri, un momento di  memoria e impegno, in piena sicurezza.

    Per quest’anno Libera ha così deciso di promuovere delle piccole iniziative locali che abbiano quale spazio  ospite un luogo di cultura. La cultura che in questo anno di pandemia è stata spesso penalizzata e messa ai  margini, ritenuta non essenziale, ma che è fonte primaria per l’evoluzione umana.

    A ricordare e riveder le stelle” è lo slogan scelto per questo 21 marzo. Uno slogan composito, che  racchiude molti significati. Il ricordo per richiamare nel cuore coloro che hanno perso la vita per mano  mafiosa. “Riveder le stelle’, citando l’ultimo verso dell’Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri, a  settecento anni dalla sua morte. “E quindi uscimmo a riveder le stelle”, così il sommo poeta saluta i suoi  lettori alla fine del viaggio nell’inferno. Il desiderio di ‘riveder le stelle’ e di uscire dall’inferno della  pandemia, dopo un anno di isolamento e distanziamento, è un desiderio forte tra tutti i cittadini. E in  questo senso le stelle sono anche le persone che ogni giorno si battono per la giustizia sociale e la legalità  democratica, fari del nostro operare ed esempi ai quali guardare. A loro dobbiamo quotidianamente  volgere il nostro sguardo.

    Il Coordinamento Provinciale di Libera Catanzaro “Tramonte & Cristiano” con la sua Rete ha optato per il  binomio natura-cultura.

    Il luogo scelto sarà l’Anfiteatro del Parco della Biodiversità di Catanzaro  che sabato 20 marzo dalle ore 10:00  accoglierà, nel pieno e rigoroso rispetto delle normative antiCovid, le rappresentanze delle istituzioni, dei familiari di vittime innocenti di mafia, degli studenti e delle scuole, degli artisti, dei medici impegnati in prima linea nella lotta al Covid e delle associazioni aderenti a Libera.La manifestazione è aperta solo a coloro che leggeranno i nomi delle vittime innocenti di mafia mentre chi vuole può seguire l’evento sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/coordinamento LiberaCatanzaro e sui  canali social del Liceo Scientifico “L.Siciliani”, a cura delle ragazze e dei ragazzi di Radio Siciliani affinché tutti  possano sentirsi parte di questa Giornata di memoria e impegno.

    Oltre alla manifestazione principale al parco delle Biodiversità Libera Catanzaro  e  Avviso Pubblico – Enti e Regioni per la Formazione Civile contro le mafie – ha organizzato anche altri eventi per la lettura dei nomi delle vittime innocenti di mafia e momenti di raccoglimento con le scuole della provincia e con le parrocchie, si segnala  il 19 e il 22 marzo su radio CRT della Calabria ore 12,30  e il 19 marzo alle ore 15:00 Via Crucis alla parrocchia dello spirito santo a Carlopoli.

    Più informazioni su