Quantcast

Parcheggio in zona agricola, il Consiglio di Stato dà ragione al Comune di Soverato

Per i giudici sono infondate le contestazioni

Più informazioni su

    Il Consiglio di Stato dà ragione al Comune di Soverato e respinge il ricorso relativo ad un’ordinanza di demolizione avente ad oggetto l’intervento di ristrutturazione del fabbricato rurale con realizzazione di parcheggio, ricadente in zona agricola. Per i giudici del Consiglio di Stato sono infondate le contestazioni: l’una relativa alla mancanza di sopralluogo da parte del Comune di Soverato stante le rilevate e macroscopiche difformità; l’altra di violazione dell’art. 10 bis l.241/90, dovendosi dare continuità all’indirizzo giurisprudenziale, qui condiviso, a mente del quale la comunicazione dei motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza non trova applicazione al procedimento di Dia.

    “Accertato l’illecito edilizio, – si legge nel dispositivo – l’ordinanza di demolizione costituisce doveroso e imprescindibile esercizio del potere sanzionatorio da parte della pubblica amministrazione. È atto vincolato che non richiede specifica valutazione delle ragioni di interesse pubblico, né comparazione alcuna con gli interessi privati coinvolti e sacrificati, né motivazione sulla sussistenza dell’interesse pubblico concreto e attuale alla demolizione, non essendo ravvisabile l’esistenza di alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione di fatto abusiva, che il tempo trascorso dalla realizzazione dell’abuso non legittima affatto”.

    Più informazioni su