Quantcast

Istituto Agrario, il plauso della dirigente per il Magna Graecia School in the City

Gli studenti hanno, oggi, hanno interagito con il regista Claudio Noce

Più informazioni su

    L’Istituto tecnico agrarioVittorio Emanuele II” di Catanzaro sta partecipando in questi giorni alla III edizione del Magna Graecia School in the City ideato da Gianvito e Alessandro Casadonte e realizzato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la scuola promosso dal Mibac e dal Miur.

    Un festival pensato e disegnato per i giovani con la mission non solo di educare le nuove generazioni al linguaggio cinematografico e audiovisivo ma anche di contribuire alla loro formazione umana, civile, sociale e culturale anche attraverso il confronto diretto con le grandi professionalità del settore cinematografico e televisivo.

    Oggi, gli studenti dell’Istituto, grazie ad un incontro svoltosi on line e moderato da Antonio Capellupo, hanno interagito con il regista Claudio Noce, figlio del questore crotonese Alfonso Noce che , quando era responsabile della sezione antiterrorismo di Lazio e Abruzzo, subì un attentato da parte dei NAP in cui persero la vita un agente ed un terrorista. Oggetto del confronto è stato il film “Padrenostro” che rievoca la storia del padre di Noce, magistralmente interpretato da Pierfrancesco Favino.

    I ragazzi hanno potuto chiedere tutti i particolari, le curiosità, i dubbi scaturiti dal lungometraggi, trovando nel regista un interlocutore totalmente disponibile ad interagire con essi. Lo stesso Noce ha, anzi, arricchito le sue risposte con particolari personali inerenti la sua famiglia e ribadito la sua “calabresità”, ricordando i lunghi viaggi in auto con i genitori sulla Salerno-Reggio Calabria per raggiungere il mare durante le vacanze estive.

    “Questo progetto – ha dichiarato il dirigente scolastico, Rita Elia – rappresenta una bellissima finestra sul mondo del cinema per i nostri ragazzi. E’ importante, in questo momento così particolare, offrire loro delle iniziative che siano di svago ma anche di crescita e la visione di queste opere così interessanti è un’opportunità preziosa per sviluppare il proprio spirito critico. Ringrazio, inoltre, i docenti per la collaborazione perché hanno velocizzato le operazioni di adesione e partecipazione. Abbiamo invitato Gianvito Casadonte a venire presto a trovarci per conoscere la nostra realtà scolastica e le tante iniziative che portiamo avanti con passione”.

    Più informazioni su