Quantcast

Sant’Anna – Hospital, arriva la mozione dei capigruppo d’opposizione

"Rinnovo del contratto o rimozione della triade commissariale dell’Asp di Catanzaro"

Più informazioni su

    Sul rischio che il Sant’Anna – Hospital “sia cancellato dal Sistema sanitario regionale con la perdita di 300 posti di lavoro e la dispersione di un rilevante patrimonio scientifico che costringerebbe i pazienti calabresi a sottoporsi a interventi cardiochirurgici in strutture sanitaria di altre regioni”,  intervengono i  capigruppo dell’opposizione attraverso una mozione presentata in Consiglio regionale.

    La mozione, ad avviso dei capigruppo che la siglano – Francesco Pitaro (Misto), Domenico Bevacqua (Pd), Marcello Anastasi (Io resto in Calabria) e Antonio Billari (Dp) – si auspica che sia discussa e approvata lunedì prossimo, durante la discussione programmata dal Consiglio regionale sulla sanità alla presenza del Commissario ad acta per il Piano di rientro Guido Longo. Obiettivo dei capogruppo dell’opposizione è che il Consiglio regionale “impegni il Presidente della Regione, affinché si promuova con urgenza ogni passaggio utile a definire positivamente la vicenda amministrativa del Sant’Anna interessando direttamente il Ministero della Salute e il Ministero dell’Interno, affinché avochino la procedura del rinnovo del contratto o rimuovano la triade commissariale dell’Asp di Catanzaro”.

    Nella mozione si sottolinea l’urgenza di salvaguardare un’eccellenza della sanità calabrese (effettua 900 interventi  di cardiochirurgia l’anno e ha ottenuto per 3 anni il primo posto nella classifica delle cardiochirurgie stilata da Agenas) che  – violando ogni principio di efficacia, trasparenza e buon andamento e imparzialità della pubblica amministrazione – è lasciata in sospeso senza preoccuparsi che, se venisse meno, si lederebbero i livelli essenziali di assistenza e il diritto alla salute dei calabresi, facendo al contempo lievitare i costi dell’emigrazione sanitaria”.

    Il paventato rischio di vedere la clinica cardiologica cancellata è dovuto “al diniego – nonostante l’accreditamento della struttura concesso con decreto dal Commissario ad acta per la sanità – da parte dell’Asp di Catanzaro di stipulare il contratto per l’anno in corso”.

    Più informazioni su