Quantcast

Donna insultata a Crotone: la dignità ed il coraggio non hanno prezzo ne possono essere comprate come merce

Necessari controlli per verificare il rispetto delle leggi e dei contratti. FILCAMS CGIL Calabria: "vorremmo incontrare questa grande fimmina di Calabria".

Più informazioni su

    La Filcams Cgil Calabria esprime solidarietà e vicinanza alla donna e alla lavoratrice che è stata insultata per il suo aspetto fisico dal titolare di un’attività commerciale a Crotone. È indegno, oltre che incivile, subire discriminazioni ed insulti per il proprio aspetto fisico, cosa che non è rara, purtroppo, nelle attività commerciali, soprattutto nei confronti delle donne. L’aspetto fisico non può essere una colpa, l’idiozia e lo sfruttamento lo sono. Apprezziamo il coraggio della donna che ha raccontato una pratica che tutti conoscono ma sulla quale in pochi intervengono, comprese le associazioni datoriali che dovrebbero farlo almeno per contrastare la concorrenza sleale e l’evasione fiscale: il contratto è solo un foglio di carta, la paga la stabilisce il titolare; neanche fossimo nel medioevo!
    Invitiamo gli organismi competenti a verificare e ad ispezionare l’attività commerciale per verificare la corretta applicazione del Contratto Nazionale verso i dipendenti e se non abbia ricevuto incentivi o bonus da parte dello Stato in questo periodo di pandemia; sarebbe il caso, vista la mancanza di rispetto delle leggi, della Costituzione e della società civile di farglieli restituire, poiché soggetti del genere non meriterebbero di lavorare nel nostro Paese… incentivarli sarebbe davvero troppo!
    La FILCAMS CGIL Calabria, che nei mesi precedenti ha promosso la campagna “fimmina” per dare valore al lavoro delle donne, sarebbe lieta di incontrare questa coraggiosa “fimmina” di Crotone per confrontarsi su quanto accaduto e per contribuire con l’impegno di tutto il gruppo dirigente a fare in modo che certi spregevoli episodi non debbano più accadere.

    Più informazioni su