Quantcast

Il contributo dell’Ammi alla Fiera del libro con Women Free

Progetto realizzato insieme alla Fondazione Città Solidale Onlus

Più informazioni su

    Parlare di temi delicati e sensibili, facendo rete tra le realtà associative del territorio, per creare un confronto costruttivo e sinergie produttive: questo il frutto dei due incontri che ha visto coinvolta la sezione di Catanzaro dell’Ammi – Associazione Mogli Medici Italiani – presieduta da Silvana Aiello Bertucci, all’interno del “Gutenberg, Fiera del libro, della multimedialità e della musica”, il cui filo conduttore della XVIII edizione è la fragilità umana.

    L’evento è ideato da Armando Vitale, presidente associazione Gutenberg che ha sottolineato il forte bisogno di cambiare radicalmente il nostro modo di vivere, di creare un nuovo equilibrio, rivolgendosi soprattutto ai giovani: “Dobbiamo dare più peso ai libri e meno ai cellulari. E fondamentale diffondere la pratica della lettura per avere più ricchezza interiore e alimentare la conversazione collettiva”.

    Nel primo appuntamento, partendo dal libro “Non è un destino” di Lella Palladino, è stato affrontato il problema della violenza maschile contro le donne. “Le donne vittime di abusi – ha spiegato l’autrice – possono riprendere in mano la propria vita. Ci si salva insieme alle altre quando si chiede aiuto e si esce dall’isolamento, perché non è un problema individuale ma una questione collettiva”. Molto interessanti gli interventi che si sono susseguiti: Sandra Vatrella, sociologa; Antonella Palaia di Tocco, avvocato e componente del direttivo Ammi di Catanzaro; Fatima Zahri, mediatrice culturale e presidente Unione Donne in Italia di Catanzaro; Amelia Morica docente e rappresentante del Circolo culturale Placanica; Monica Riccio e Denise Trapasso, rispettivamente psicoterapeuta e operatrice del centro antiviolenza “Aiuto Donna” della Fondazione Città Solidale, Isolina Mantelli, presidente centro antiviolenza Mondo Rosa.

    In merito, la Fondazione Città Solidale Onlus e l’Ammi di Catanzaro stanno realizzando il progetto “Women Free”, finanziato dal Fondo di Beneficenza Intesa San Paolo, che offre servizi di aiuto e accompagnamento per donne sole o con figli minori, vittime di violenza psicofisica, sessuale, economica o di maltrattamenti.

    “Tra le azioni portate avanti con questa iniziativa – ha affermato la presidente Ammi – vi è l’attivazione di un servizio di screening gratuito con visite senologiche per le donne vittime di violenza, considerando la nostra collaborazione con la Breast Unit – Organizzazione Unità Multidisciplinare nata per curare il cancro al seno – dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro“.

    “Geoetica. Manifesto per un’etica della responsabilità verso la Terra” di Silvia Peppoloni e Giuseppe Di Capua e “Biosfera, l’ambiente che abitiamo” di Enzo Scandurra, Giovanni Attili e Ilaria Agostini sono stati i due libri che hanno fornito gli spunti preziosi per il secondo incontro dedicato alla tutela dell’ambiente. A prendere parola sono state: Concetta Carrozza, assessore Pubblica Istruzione comune di Catanzaro e consigliera nazionale Ammi; Rosetta Falbo, dirigente scolastico I.C. Materdomini e coordinatrice progetto Gutenberg Ragazzi; Filomena Rita Folino, dirigente scolastico I.C. Pascoli Aldisio; la professoressa Paola Marcatello; Caterina Battaglia Rodinò, medico e vice presidente Ammi Catanzaro; Anna Lia Paravati, presidente regionale FAI. I veri protagonisti sono stati i ragazzi, coinvolti nei mesi scorsi nel progetto Green Ammi, che hanno esposto le loro riflessioni sulla tematica.

    Green Ammi” – ha sottolineato la presidente Bertucci – nasce dalla consapevolezza che la nostra salute dipende dal rispetto dell’ambiente e dalla necessità di sviluppare in ognuno di noi una “coscienza ambientale”. Stiamo promuovendo una campagna di sensibilizzazione ambientale a scuole, associazioni e istituzioni. Green Ammi è sostenibilità, solidarietà e prevenzione e, per questo, abbiamo creato un decalogo informativo che possa sollecitare tutti a dare il proprio fondamentale contributo a sostegno dell’ambiente”.

    Più informazioni su