Quantcast

L’Asd Zarapoti Catanzaro premia don Pasquale Castrilli missionario scrittore e runner in Africa

"Ha dato testimonianza della sua missione nelle zone tra le più povere del mondo, Laos, Africa, Brasile, tra le macerie e la povertà più assoluta, a portare sollievo a quelle povere popolazioni"

Più informazioni su

    “Il 26 maggio scorso il direttivo della Atletica Asd Zarapoti Catanzaro – fa sapere in una nota stampa il segretario Francesco Menniti –  ha ospitato il Padre missionario oblato di Maria Immacolata, don Pasquale Castrilli, ottimo runner e scrittore.

    Ha dato testimonianza della sua missione nelle zone tra le più povere del mondo, Laos, Africa, Brasile, tra le macerie e la povertà più assoluta, a portare sollievo a quelle povere popolazioni, fornendo loro anche le scarpe da corsa utilizzate dai runner, e dismesse, che per questa gente rappresentano una ricchezza assoluta, non avendo loro neanche quelle per camminare.

    Don Pasquale ha corso per quelle strade e contrade, ed ha trasmesso una forte emozione agli atleti presenti. É seguita la presentazione del libro “Preti sempre di corsa” nel quale racconta di runner e uomini di Chiesa, Sacerdoti che operano in tutto il mondo praticando a livelli eccelsi lo sport, alcuni addirittura compaiono nelle classifiche nazionali per le prestazioni cronometriche ottenute.

    Sono storie bellissime e ricche di significato, che la Zarapoti ha voluto conoscere, essendo da sempre impegnata nel sociale, ed avendo già devoluto un aiuto ad alcune associazioni tra le quali “Un pozzo in Africa” raccogliendo fondi per la costruzione di un pozzo per l’acqua in un villaggio africano.

    Lo sport non è solo agonismo (dove tra l’altro la società è ben rappresentata) ma anche e soprattutto deve essere impegno sociale, fratellanza, ed insegnare questi valori soprattutto ai giovani.

    A fine serata è seguito un rinfresco a base di prodotti tipici calabresi, per poi concludere con la premiazione di don Pasquale Castrilli da parte del presidente Antonio Cardamone, con una targa commemorativa dell’evento e la motivazione “A don Pasquale Castrilli per meriti sportivi e sociali”.

    Più informazioni su