Quantcast

‘Catanzaro non discrimina’ in piazza il 28 giugno, già diverse le adesioni ufficiali

'Molto positiva l'immediata costituzione di un comitato misto composto da forze civiche, associazioni, sindacati e partiti politici che si farà promotore di una serie di iniziative'

Più informazioni su

    Il Nuovo Centro Sinistra aderisce con convinzione all’iniziativa prevista in piazza Prefettura per giorno 28 giugno ed organizzata per manifestare contro tutte le forme di discriminazioni e in sostegno del DDL Zan. Quanto successo ultimamente a Davide Sgrò, che fa seguito ad un altro episodio avvenuto a Vallefiorita lo scorso 20 maggio ai danni di una ragazza aggredita per il suo orientamento sessuale, sono la prova che è necessario mantenere alta l’attenzione e reagire a qualunque forma di discriminazione sociale.
    E’ importante una presa di posizione forte da parte della società civile in grado di riaffermare il rispetto per le persone indipendentemente dal loro modo di essere e di esprimere la propria personalità. In questo senso è molto positiva l’immediata costituzione di un comitato misto composto da forze civiche, associazioni, sindacati e partiti politici che si farà promotore di una serie di iniziative volte a sensibilizzare la popolazione sul tema dei diritti civili.

    Anche la segreteria provinciale della CGIL Area Vasta preannuncia l’adesione dell’organizzazione territoriale alla manifestazione che si terrà lunedì 28 giugno a Catanzaro, a sostegno del Disegno di Legge Zan.

    “Questa legge risponde prima di tutto alla urgenza di proteggere nella maniera più opportuna chiunque sia vittima di crimini di odio legati alle discriminazioni dovute all’orientamento sessuale e all’identità di genere. La legge Zan non fa altro che estendere le categorie protette in caso di comportamenti che colpiscono l’altro. E’ sempre una questione di tutela di diritti di cui c’è ancora tanto bisogno, la tutela delle libertà individuali tra cui quella di amare chi ci pare ed essere chi ci pare senza rischiare di essere presi a botte – si legge in una nota della segreteria della CGIL Area Vasta -. L’orientamento sessuale è prerogativa della libertà umana. Questo è il senso del DDl Zan che rappresenta un passo avanti per affermare la nostra dignità e libertà. Per questo la CGIL Area vasta sarà in piazza il prossimo 28 giugno, per rimarcare la tutela di un diritto e il bisogno, il nostro, di vivere in una regione che respinge l’omofobia e crede che questa nostra terra sia inclusiva e accogliente, aperta alle differenze”.

    Più informazioni su