Quantcast

Operazione Quarta chiave condotta dai Carabinieri, 29 arresti per traffico illecito di rifiuti e altri reati

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Più informazioni su

    Nei comuni di Lamezia Terme, San Pietro a Maida, Curinga e Settingiano, i Carabinieri del Comando Provinciale di Catanzaro, supportati da rinforzi provenienti dagli altri Comandi Provinciali della Legione Carabinieri “Calabria”, del Gruppo Forestale di Catanzaro, dell’8° NEC e dello Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori di Vibo Valentia, stanno eseguendo un’ordinanza di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, nei confronti di 29 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, in particolare dei reati di “Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti”, oltre che “Furto aggravato” e “Violazione di Sigilli”.

    Nello specifico – si legge in una nota stampa – per 15 indagati è stata disposta la misura cautelare della detenzione in carcere, per 14 indagati la misura cautelare degli arresti domiciliari.
    E’ stato disposto, altresì, il sequestro preventivo per le organizzazioni aziendali coinvolte; si tratta di due imprese individuali e quattro società a responsabilità limitata.

    Il provvedimento è fondato sugli esiti dell’attività investigativa (c.d. “Operazione Quarta Chiave”), condotta dai Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme, diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, avviata nell’agosto 2019, a seguito di un vasto incendio di rifiuti, verificatosi il precedente 11 luglio presso l’insediamento ROM di Contrada Scordivillo, a Lamezia Terme, con lo sprigionamento di fumi tossici che hanno interessato l’adiacente ferrovia ed il vicino Ospedale “Giovanni Paolo II”.

    Gli elementi acquisiti con l’ausilio di attività tecniche ed accertamenti patrimoniali, hanno consentito di documentare l’esistenza, all’interno del sito di Scordovillo, di una vera e propria realtà imprenditoriale che, in violazione delle norme di settore, era dedita alla raccolta e trasporto di rifiuti presso ditte specializzate nella preparazione e riciclo di rottami ferrosi che, a loro volta, ricevevano illecitamente i carichi conferiti.

    Più informazioni su