Quantcast

Scuola, l’Associazione “Dar Assalam” chiede all’USR adeguamenti per gli alunni di fede musulmana

Tra le richieste rivolte all’Ufficio scolastico regionale: attività diverse durante l’ora di religione e alimenti vegetariani o vegani “per non far sentire nessuno escluso dalla vita scolastica”

Più informazioni su

    Il prossimo 20 settembre anche in Calabria suonerà la campanella in tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado. E dopo due anni di emergenza covid, tra dad e rientri a singhiozzo, si ritorna in classe finalmente in presenza. In vista del nuovo anno scolastico, Antonio Carioti, presidente dell’Associazione culturale musulmana di volontariato “Dar Assalam”, a nome della comunità musulmana di Catanzaro, ha inviato in questi giorni una lettera all’Ufficio scolastico regionale per richiedere che nelle scuole di ogni ordine e grado “venga rispettato il diritto, degli alunni di fede musulmana, – si legge nella lettera – di non usufruire dell’insegnamento della religione, ore in cui i bambini e i ragazzi dovrebbero essere impegnati in altre attività e non rimanere in fondo all’aula come di sovente avviene”.

     Servizio mensa

    “Chiedo inoltre – scrive Carioti nella lettera – che ci sia un aggiornamento del servizio mensa. Gli alunni musulmani, come noto, possono mangiare solo carni “halal” ( macellate secondo un rituale ben preciso da un musulmano praticante), pertanto, sarebbe opportuno, a prescindere dalle scelte di fede varie di fronte alle quali ci si possa trovare, offrire un’alternativa vegetariana o vegana, questo permetterebbe ai bambini e ragazzi ebrei, musulmani, buddisti, o semplicemente vegetariani/vegani di mangiare insieme alla propria classe in maniera adeguata”.

    Recite scolastiche

    “Usufruendo anche di figure esterne che anche l’associazione può mettere a disposizione in forma gratuita – continua Carioti – si possa offrire la possibilità di organizzare recite ed attività alternative a quelle riguardanti le festività cattoliche, in modo da rispettare le altre confessioni senza che gli alunni debbano avere come alternative restare a casa o fare qualcosa che víoli i principi secondo i quali vengono educati sotto il punto di vista religioso. Le rappresentazioni non cattoliche potrebbero consistere nella recitazione di poesie, in canti o esibizioni musicali sulla base dei gusti e competenze dei singoli bambini/ragazzi. Questo, ovviamente, permetterebbe ai bambini di ogni confessione ed alle famiglie atee di vedere rispettati i propri diritti ed ideali di fede e non”.

    “Si ricorda – conclude – che gli istituti scolastici pubblici non sono cattolici così come non lo è lo Stato italiano e, prescindendo dagli accordi presi Illo tempore con lo Stato Vaticano, oggi, nel 2021, con una multietnicità estesa e con scelte diverse da quella cattolica effettuate anche da famiglie italiane autoctone, si rende necessario rivedere alcuni “blocchi mentali” che certamente non aiutano i bambini e i ragazzi a crescere in maniera serena, offrendo loro il rispetto e l’apertura alle diversità di cui necessitano”.

    preghiera musulmana

    Più informazioni su