Quantcast

Giustizia, Gratteri: “Questa riforma è un disastro, una mediazione al ribasso”

"Resto a Catanzaro, amo questa regione per questo ne parlo male"

Più informazioni su

    “Questa riforma è un disastro sul piano del contrasto ai reati, non solo ai reati di criminalità organizzata. C’è stata una mediazione con i partiti che partecipano al governo. Nella realtà è sempre una mediazione al ribasso. Si dà la possibilità di andare oltre i due anni in appello e oltre un anno in cassazione a reati come l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Poi, è stato istituito il Ministero per la Transizione ecologica, però nell’elenco mancano i reati ambientali, corruzione, concussione, peculato: reati che stanno gomito a gomito con la politica e con i faccendieri. E poi immaginate: se un operaio cade dal quarto piano e viene condannato il datore di lavoro, è ovvio che questo processo in appello non si farà mai, andrà in coda. Mi devono spiegare quando avranno ristoro la vedova e i figli. Quando avranno giustizia? A questo dovrebbe rispondere il Governo che ha proposto questa legge.” Così Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica di Catanzaro partecipando ad un incontro a Trame 10, Festival dei libri sulle mafie che si tiene a Lamezia fino al 5 settembre.

     Gratteri ha, poi, aggiunto: “Io amo in modo viscerale questa terra e l’ho dimostrato con la mia coerenza: dall’86 faccio il Magistrato in Calabria. Più di otto anni non si può stare nella stessa Procura e devo trovare un’altra collocazione. Spero di poter continuare a lavorare in questa regione perché l’amo. Ecco perché spesso ne parlo male, ma sono fiducioso che siamo sulla strada giusta. Tanti risultati li abbiamo ottenuti e tanta gente crede in noi”.

    “Se fossero in vita Falcone e Borsellino salterebbero dalla sedia leggendo il termine “improcedibilità” in questa riforma, perché vuol dire che il 50% dei processi in appello, dove c’è stata già una condanna in primo grado, non si possono celebrare. Penso che resterebbero sconcertati come lo sono tanti di noi. Una forte percentuali di imprenditori, soprattutto nel campo della ristorazione, non sono in grado di riaprire, stanno agonizzando.”

     

     

    Più informazioni su