Quantcast

Vertenza Komunikasrl, Slc Cgil: “L’azienda ritiri i licenziamenti”

Riguarda un esubero di circa il 40% del personale. Un numero enorme se si considera che l’azienda ha solo pochi mesi fa rilevato un ramo dell'azienda Abramo

Più informazioni su

    “A una settimana circa dalla chiusura della procedura di licenziamento collettivo, aperta dall’azienda alla fine del mese di Agosto, esprimiamo forte preoccupazione per come si sta evolvendo la vertenza che riguarda un esubero di circa il 40% del personale. Un numero enorme se si considera che parliamo di un’azienda che ha solo pochi mesi di vita, avendo rilevato ad inizio anno 2021 un ramo dell’azienda Abramo Printing & Logistics, e che fino a Giugno 2021 ha comunque potuto usufruire di aiuti di stato quali la cassa integrazione covid”. Lo afferma in una nota la segreteria calabrese di Slc Cgil.

    “Nel corso deì tanti incontri avuti presso la sede di Confindustria – continua la nota – abbiamo responsabilmente proposto tutta una serie di soluzioni utili a salvaguardare l’intero perimetro occupazionale, in particolar modo abbiamo con forza proposto lo strumento del contratto di solidarietà che permetterebbe di gestire gli esuberi dichiarati dall’azienda almeno per i prossimi tre anni. Con amarezza e disappunto abbiamo però dovuto fin qui registrare un netto rifiuto perché il management aziendale ritiene di non poter sostenere i costi insiti nell’utilizzo del sopracitato ammortizzatore sociale, rifiutando altresì ulteriori proposte suggerite dai lavoratori stessi che si rendevano disponibili anche a importanti sacrifici pur di salvaguardare l’occupazione. Le uniche aperture da parte datoriale sono state quelle di una incentivazione economica all’esodo volontario e, in alternativa, quella di un passaggio definitivo al contratto part time al 50%, opzioni che non esitiamo a definire non percorribili considerato anche il delicato momento storico che stiamo vivendo e, soprattutto, la difficoltà atavica di ricollocazione nel mondo del lavoro in una terra con un alto tasso di disoccupazione come la Calabria”.

    “Auspichiamo pertanto che l’azienda torni al tavolo sindacale ritirando i licenziamenti e ragionando sulle possibili soluzioni da noi prospettate nella speranza che la Komunikasrl riesca nei prossimi mesi a individuare nuovi mercati anche mettendo in campo una diversificazione della propria attività tale da poter aumentare i volumi di lavoro, consolidare la propria struttura e salvaguardare così il proprio perimetro occupazionale. Se nei prossimi giorni – conclude la segreteria regionale – non riceveremo concreti segnali di apertura da parte aziendale, non esiteremo ad intraprendere azioni di lotta e mobilitazione generale a tutela e a sostegno delle istanze, dei diritti e del futuro lavorativo dei lavoratori che abbiamo l’onere e onore di rappresentare”.

    Più informazioni su