Quantcast

Il cane guida e la sua preziosa opera raccontata dall’Uici

Coinvolti gli studenti di diversi istituti scolastici della città

Più informazioni su

    Una giornata all’insegna della sensibilizzazione e dell’informazione è stata quella che ieri ha visto l’UICI territoriale di Catanzaro coinvolgere gli istituti della città in alcuni appuntamenti dedicati al cane guida ed alla sua preziosa opera.

    La giornata nazionale del cane guida, prevista per il 16 ottobre, causa allerte meteo e altri impegni di natura organizzativa delle scuole coinvolte è stata festeggiata giorno 20 ottobre alla presenza di alunni, docenti e dirigenti dell’I.C. Mater Domini e del Liceo delle Scienze Umane “G. De Nobili” indirizzo artistico in una mattinata ove i rappresentati della locale sezione UICI di Catanzaro si sono recati per informare, divulgare e sensibilizzare sulla straordinaria importanza che il Cane Guida ancora oggi riveste per le persone con disabilità visiva.

    A presenziare i lavori sono stati Lidia Travaglio, Vice Presidente Territoriale UICI che ha portato il saluto della Presidente Prof.ssa Concetta Loprete anch’essa impegnata in attività didattiche a scuole, Luciana Loprete referente territoriale dell’UICI di Catanzaro ed Antonella Mascaro volontaria della medesima UICI.

    Due incontri quindi che hanno avuto un sapore agrodolce considerando da una parte come anzidetto lo speciale rapporto che si instaura tra un cane guida ed il suo conduttore e dall’altra però la necessità che delle norme specifiche, ancora oggi bistrattate, debbano far leva sul buon senso di operatori ed esercenti che ancora oggi vedono la presenza di un cane guida alla pari di un normale animale di compagnia.

    La differenza sostanziale, è stato spiegato durante gli incontri, è che il conduttore di un cane guida non può far a meno del suo fedele compagno di viaggio perché esso rappresenta quella voglia e quella necessità di autonomia che solo con la simbiosi che si crea tra i due è possibile ottenere pertanto privarlo di ciò significherebbe ledere un suo diritto fondamentale, quello di poter vivere ogni momento della sua vita senza dover per forza dipendere o fare affidamento su un’altra persona.

    L’incontro è proseguito con la disseminazione delle regole fondamentali da adottare quando ci si trova difronte ad un soggetto con il suo cane guida, sulle normative vigenti in materia sia di trasporto pubblico che di accesso ai pubblici esercizi, nonché sulle agevolazioni fiscali per i possessore di un cane guida e non da meno è stato spiegato e reso, il particolare legame che il cieco stringe con il suo cane guida, sin dalla sua formazione presso le scuole Cani Guida presenti sul territorio fino a quando purtroppo questo rapporto va ad esaurirsi.

    A conclusione infine è stato proiettato il filmato prodotto dalla Scuola Cani Guida HELLEN KELLER di Messina dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e consegnato a cura dei rappresentati dell’UICI presenti un piccolo cadeau alle insegnanti presenti a dimostrazione dell’apprezzamento della categoria alla possibilità di poter esporre all’interno delle scuole questo particolare tema che molto sta a cuore a tutti i ciechi e ipovedenti italiani.

    Più informazioni su