Quantcast

Ai domiciliari dopo Drug family continua a spacciare. Arrestato dalle Volanti e condotto in carcere

Insieme al 22enne anche la convivente sottoposta ai domiciliari

Più informazioni su

    Non c’è pena, non c’è operazione che tenga. I residenti del quartiere Aranceto, di etnia rom, continuano a spacciare e controllare il mercato della droga, impuniti ed impunemente. A neanche una settimana dall’operazione Drug Family, un equipaggio della Squadra Volante, nel corso dei consueti servizi di controllo a soggetti sottoposti ad obblighi restrittivi, si trovava in via Teano per eseguire un controllo domiciliare a carico di Nino Berlingiere, persona attualmente sottoposta alla misura degli arresti domiciliari.

    Nella circostanza, notato un atteggiamento sospetto dell’uomo, gli Agenti eseguivano una perquisizione domiciliare, che veniva estesa, avvalendosi di personale femminile, anche sulla convivente.

    Su quest’ultima è stata rinvenuta una pochette di colore marrone, contenente 2 involucri di sostanza stupefacente del tipo cocaina, del peso complessivo di 48 grammi, la somma di 405 euro in banconote di vario taglio, nonché un bilancino di precisione, regolarmente funzionante ed ancora intriso della medesima sostanza, avvolto in alcuni ritagli di cellophane trasparente, riconducibile al confezionamento delle dosi.

    Berlingiere nascondeva un pezzo di hashish del peso complessivo di 6 grammi.

    La perquisizione, estesa all’abitazione, consentiva  di rinvenire, un borsellino contente la somma di 15.000 euro, somma della quale i soggetti, dichiaratisi disoccupati, non hanno saputo dare contezza, mentre apparivano correlarsi al rilevante quantitativo di stupefacente rinvenuto.

    Dopo l’accompagnamento negli Uffici della Squadra Volante, la coppia è stata tratta in arresto per il reato di detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti, in concorso e trattenuti presso le camere di sicurezza fino all’udienza di convalida, tenutasi nella mattinata del successivo 30 ottobre. Il Tribunale, in composizione Monocratica, ha emesso l’Ordinanza di convalida dell’arresto e, valutando i gravi indizi di colpevolezza degli indagati, ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere per Nino Berlingiere, catanzarese di 22 anni, e gli arresti domiciliari per Marika Bevilacqua, catanzarese di 19 anni.

    Berlingiere era sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari poiché, appena tre giorni prima, è stato coinvolto nell’inchiesta denominata “DRUG FAMILY”.

    Più informazioni su