Quantcast

Anche a Catanzaro le celebrazioni del 4 novembre nell’anno dei 4 anniversari

Presenti le autorità istituzionali e militari. Consegnata una bandiera tricolore al Polo Didattico Galluppi

Più informazioni su

    Una discreta partecipazione popolare, contenuta nei numeri ma colorata, ha fatto da cornice questa mattina alla breve cerimonia catanzarese per il 4 novembre Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Cerimoniale come nelle tradizioni: arrivo dei gonfaloni, delle autorità istituzionali – in primis il sindaco Sergio Abramo – e militari, l’alzabandiera, la lettura dei messaggi augurali del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del ministro della Difesa Lorenzo Guerini del prefetto Maria Teresa Cucinotta che insieme al comandante dei Carabinieri generale Francesco Salsano ha deposto poi una corona di fiori in onore ai caduti secondo quanto previsto dal protocollo.

    Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate Catanzaro

    Un 4 novembre particolare questo anche perchè come ricordato dal messaggio del presidente Mattarella “Si ricordano quest’anno quattro importanti anniversari: 160 anni dell’Unità d’Italia, 150 anni di Roma Capitale, 100 anni del trasferimento al Vittoriano della salma del Soldato ignoto, 75 anni di Repubblica e il Centenario del Milite Ignoto”. “In questo giorno il pensiero va a quanti hanno – si legge ancora nel messaggio del Capo dello Stato – sofferto, sino all’estremo sacrificio, per lasciare alle giovani generazioni un’Italia unita, indipendente, libera, democratica”.

    Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate Catanzaro

    Tornando alla cerimonia di piazza Matteotti a Catanzaro (guarda in alto la diretta della pagina Facebook di Catanzaroinforma) è stata conclusa come di consueto con la consegna del tricolore a una scuola della provincia.
    Stavolta è toccato al Polo Didattico Convitto Galluppi di Catanzaro diretto da Stefania Cinzia Scozzafava.

    Le parole del prefetto e generale: “Oggi ricorre un doppio e significativo appuntamento, perche’ ricordiamo i valori fondanti della nostra Repubblica e tutti gli italiani che hanno perso la vita per un ideale di patria e di liberta’. Lo ha detto il prefetto di Catanzaro, Maria Teresa Cucinotta a margine della manifestazione. Il prefetto ha evidenziato l’attualita’ della giornata dell’unita’ nazionale: “L’insegnamento di quanti hanno perso la vita per la nostra democrazia – ha detto Cucinotta – e’ un insegnamento che non dobbiamo dimenticare mai, perche’ e’ valido anche ai giorni nostri, a fronte di tentativi di limitare le liberta’ degli altri o di disconoscere i valori di democrazia e liberta’ che debbono essere alla base del nostro agire”. A sua volta, il generale Salsano ha osservato che “questa giornata vuole essere anche un segnale per tutta la popolazione, perche’ oggi piu’ che mai dobbiamo fare squadra ed essere uniti per il bene dell’intero Paese”.

    Seguono videointerviste.

    Più informazioni su