Quantcast

Il liceo Siciliani ricorda Leonardo Sciascia a 100 anni dalla nascita foto

La scuola ha partecipato al seminario internazionale

Più informazioni su

    In occasione del centenario della nascita di Leonardo Sciascia anche Catanzaro, grazie al Liceo Scientifico “Luigi Siciliani”, mercoledì 24 novembre 2021 ha reso omaggio a uno dei grandi scrittori contemporanei, intellettuale e figura esemplare per coscienza e coraggio civile nella società e nella letteratura del Novecento.

    Il Liceo catanzarese, per iniziativa della sua dirigente, la prof.ssa Filomena Rita Folino, dei docenti di Letteratura italiana e della co-curatrice del convegno, Prof.ssa Milly Curcio, ha partecipato al Seminario internazionale intitolato Leonardo Sciascia: confessioni e investigazioni, in collaborazione con il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Pécs, dell’Istituto Italiano di cultura per l’Ungheria e dell’Università “Carlo Bo” di Urbino. Alla giornata di studio hanno preso parte alcuni fra i maggiori esperti dell’opera di Sciascia: oltre alla stessa Milly Curcio, saggista e curatrice del prezioso volume-epistolario Sciascia-La Cava, Fabrizio Catalano, nipote dello scrittore e autore di un recente volume sul cinema e Sciascia, il prof. Gian Italo Bischi, autore di un volume recente su Sciascia e gli americani, e il prof. Luigi Tassoni, critico e semiologo, che numerosi saggi ha dedicato allo scrittore siciliano. All’intensa mattina “in compagnia di Sciascia” hanno preso parte studenti universitari ungheresi di Pécs e oltre 200 studenti del Liceo Siciliani, collegati tramite piattaforma WEB (l’evento si può seguire su Youtube al link https://youtu.be/3sLm7N5APOw).

    Sono stati proprio gli studenti i veri protagonisti della giornata, prodighi di domande stimolanti, elaborate grazie al programma di letture guidate dai docenti, che hanno consentito agli esperti di entrare nel vivo del linguaggio di Sciascia e delle sue scelte, puntando, ad esempio, sulla sua formazione tra cinema e noir americani (Catalano e Bischi), sull’impegno nella comprensione e decodifica del fenomeno mafioso sin dalle sue origini, sul suo anticonformismo e critica al potere, così come sulle sue investigazioni intorno all’inquisizione e alla stregoneria (Curcio), e sulle sue innovazioni nel meccanismo narrativo, e del noir in particolare (Tassoni).

    Non è mancato neanche un ricordo da dietro le quinte del grande scrittore siciliano, di Fabrizio Catalano che, bambino, osservava il nonno a lavoro o negli incontri con altri grandi scrittori che gli facevano visita (Consolo, Bufalino); né è mancato il racconto delle passioni di Sciascia (i libri, i western, il cinema americano, i gialli, le grandi letterature), e la cronaca della sua lucida presa di posizione in grandi casi storici della contemporaneità (la scomparsa del fisico Majorana, il delitto Moro, l’assassinio del generale Dalla Chiesa, il processo a Enzo Tortora). Insomma, quello che docenti e studenti hanno potuto “incontrare”, grazie a questa bella iniziativa, è uno scrittore a tutto tondo, uno scrittore senza veli e reticenze, un personaggio unico e necessario alla cultura del nostro tempo.

    Più informazioni su