Quantcast

 Scatta l’obbligo di indossare le mascherine in alcune aree del centro e a Lido

Dalle ore 00,01 di lunedì 6 dicembre alle ore 24,00 di venerdì 31 dicembre 2021

Più informazioni su

    Scatta l’obbligo di indossare le mascherine, per il periodo natalizio, anche nei luoghi all’aperto nelle zone maggiormente interessate da attività commerciali e “movida”. Lo ha disposto il sindaco Sergio Abramo – recependo le indicazioni pervenute dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica alla luce della crescita dei contagi da covid 19 – con apposita ordinanza che prevede l’obbligo di fare uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie dalle ore 00,01 di lunedì 6 dicembre alle ore 24,00 di venerdì 31 dicembre 2021, nelle vie e nelle piazze sottoelencate:

    CENTRO

    • Piazza Matteotti;
    • Corso Mazzini;
    • Piazza Giuseppe Garibaldi
    • Piazza Basilica Immacolata;
    • Piazza B. Grimaldi;
    • Piazza Cavour;
    • Piazza Le Pera;
    • Piazza Roma;
    • Via F. De Seta (Bellavista);
    • Giardini di San Leonardo.

       QUARTIERE LIDO

    Piazza A. Garibaldi;

    Corso Progresso.

    L’obbligo di indossare le mascherine all’aperto è previsto anche in tutte le zone non citate in cui si determina un’affluenza di persone tale da non poter garantire il distanziamento interpersonale nei luoghi di aggregazione quali: mercati, mercatini natalizi, fiere di vario genere, esposizioni e qualsiasi altro evento organizzato per le festività natalizie all’aperto e comunque ovunque si configurano assembramenti o affollamenti.

    Restano esenti dall’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie le persone individuate dalla normativa vigente in materia e nello specifico: i bambini di età inferiore ai sei anni; le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina; i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva.

    L’inosservanza dell’obbligo dell’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 400 a 1000 euro.

    Più informazioni su