Quantcast

Calabria verde, chiede la revoca della determina 887

Nel mirino gli atti per la nomina dei funzionari preposti alla guida dei settori

Più informazioni su

    Con una apposita nota inviata al dirigente Settore Risorse Umane dell’Azienda Calabria Verde, avv. Giuseppe Caligiuri, al commissario straordinario  Giuseppe Oliva e al Dipartimento Politiche della Montagna, Foreste, Forestazione e Difesa del Suolo della Regione Calabria guidato da Salvatore Siviglia, la segreteria territoriale della Uil Funzione Pubblica ha richiesto la revoca e/o annullamento in autotutela della determinazione dirigenziale  887 del 30 novembre 2021. Questo quanto riportato in una nota a firma del segretario Generale UIL FPL Calabria Elio Bartoletti, dal segretario territoriale Domenico Pafumi e dal componente della segreteria Giuseppe Campanaro.

    Nella nota si contesta, innanzitutto, che l’organigramma funzionale del personale doveva essere adottato con atto del legale rappresentante dell’ente e non con determina dirigenziale, così come previsto dalla legge istitutiva dell’Azienda Calabria Verde. Si sostiene, inoltre, che la determinazione in oggetto non specifica quali siano gli atti Amministrativi in forza dei quali sono retti e gestiti, ad oggi, gli uffici ed i settori aziendali.

    Viene evidenziato come successivamente alla scadenza degli incarichi di reggenza dei diversi settori, non vi sia stato alcun atto formale che abbia individuato il personale preposto alla gestione degli stessi e che per la maggior parte dei responsabili dei Distretti territoriali manchi l’atto formale di nomina. Pertanto, concludono Bartoletti, Pafumi e Campanaro, in assenza di atti amministrativi idonei ad indicare i funzionari preposti alla guida dei settori e degli uffici aziendali, non si comprende come si potesse adottare la determina n. 887 del 30 novembre 2021 e pertanto della stessa si è richiesto l’annullamento e/o la revoca.

    Più informazioni su