Quantcast

Soveria Simeri, Giornata per il ricordo delle vittime di mafia

Quest’anno i ragazzi hanno voluto rendere omaggio al nome del proprio paese, attraverso un discorso introduttivo sulle ecomafie

Più informazioni su

    Il 21 marzo, il primo giorno di primavera da diversi anni dedicato al ricordo delle vittime innocenti di Mafia. Come ormai consuetudine consolidata anche a Soveria Simeri è andato in scena un momento di ricordo al sacrificio di tante persone innocenti. Un lungo elenco di vittime innocenti di ‘Ndrangheta è stato letto dal carabiniere ormai in pensione Angelo Milazzo che non ha saputo nascondere la sua commozione nel leggere i nomi di colleghi che ha conosciuto e con i quali ha lavorato. Presenti varie associazioni del paese all’evento organizzato dai giovanissimi della Prima o Poi, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Mario Amedeo Mormile, in collaborazione con l’ITT Chimirri di Catanzaro e l’associazione L’Albero della Vite, presente era l’associazione Happy People, con Nadia Lorusso, New Ados con Maria Pristerà; la banda Musicale città di Soveria Simeri con Angelo Milazzo e l’Avis con il vicepresidente Eugenio Generoso.

    Quest’anno i ragazzi hanno voluto rendere omaggio al nome del proprio paese, attraverso un discorso introduttivo sulle ecomafie e di conseguenza sul riciclo la giovane moderatrice Rossana Talarico, ha voluto porre l’attenzione su come Soveria sia un paese virtuoso con l’oltre il 90% di rifiuti differenziati e che solo riciclando di più e quindi avendo meno cose di smaltire si può riuscire, dal chiuso delle nostre case, a combattere un affare di milioni di euro. Incisivo l’intervento del presidente della Prima o Poi, Antonio Pisani, che ha sottolineato le origini del nome del nostro paese da ricercarsi nella presenza di numerosi boschi di sughero presenti nel comune e quindi come Soveria, forse più di altri, ha il compito di un impegno maggiore alla raccolta di questo prezioso materiale che, come sottolineato dalle professoresse Pisanelli ITT Chimirri e Sesto, responsabile dell’associazione l’Albero della Vite, ha delle proprietà incredibili, 100% riciclabile, ignifugo, termoisolante, fono isolante e tante altri proprietà. Inoltre l’associazione rivende questi tappi e il ricavato viene devoluto interamente al polo oncologico infantile del Pugliese/Ciaccio, altra dimostrazione che il sughero è vita.

    “Abbiamo aderito a questo progetto in onore del nome del nostro paese ma anche e soprattutto per la destinazione di questi soldi che vanno a dei bambini che vivono la condizione di malati oncologici. Un gesto che non costa niente, mettere il tappo in una bustina e poi darli ai ragazzi della Prima o Poi, gesto semplice che però può regalare un sorriso a bimbi che soffrono ricordando anche che nelle zone dove le ecomafie hanno nascosto rifiuti speciali l’incidenza dei tumori è molto più alta, dare una mano è doveroso”. Questa la dichiarazione dell’adulta responsabile Nadia Lorusso in rappresentanza della Prima o Poi.

    Più informazioni su