Quantcast

Anche il liceo Galluppi alla semifinale della II edizione del Torneo della disputa “Dire e Contraddire”

Prossima sfida lunedì prossimo contro i colleghi del Liceo Classico “Morelli-Colao” di Vibo Valentia

Più informazioni su

    C’è anche il Liceo Classico “Pasquale Galluppi” di Catanzaro nella semifinale della II edizione del Torneo della disputa “Dire e Contraddire”, fase territoriale Vibo Valentia- Catanzaro, oggetto del Protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale Forense ed il Ministero dell’Istruzione.

    I ragazzi  del prestigioso liceo cittadino, Giorgia Longo (della IV B), Morgana Levato e Chiara Grande (della   V B), Marco Dominijanni e Graziano Pitaro  (del IV A), Alessandro Bressi e Michele Frangella (del IV C), accuratamente preparati dal tutor, la prof.ssa Pompea Zampetti, si sono, infatti, aggiudicati stamane il passaggio alla fase successiva superando gli studenti dell’Istituo IIS “De Filippis- Prestia” di Vibo Valentia.

    È stata una gara, sostanzialmente, equilibrata quella disputata da tutti i ragazzi, in presenza quelli di Vibo e da remoto quelli di Catanzaro, che hanno saputo interpretare, nel senso più autentico, lo spirito e la finalità del torneo,” la cui giuria è presieduta dall’avv. Rosalba Viscomi.

    A essere riconosciuta  è stata la brillantezza espositiva, lessicale e di contenuti con cui gli studenti del liceo guidato dalla Dirigente Prof.ssa Elena De Filippis hanno affrontato la sfida al cospetto dei coetanei  i quali si sono saputi, anch’essi, destreggiare con grande padronanza ed efficacia.

    Tema della contesa la frase del politico e oratore ateniese (nato il 384 a. C.  e morto il322 a. C.) Demostene “Le piccole opportunità sono spesso l’inizio di grandi imprese”.

    Quali le motivazioni che hanno indotto il CNF a organizzare quest’interessante disputa? In un momento storico in cui la comunicazione sembra avvenire non attraverso il confronto costruttivo e l’ascolto ma attraverso forme di aggressione e di demolizione del pensiero altrui, con il Torneo  della disputa “Dire e Contraddire”,  l’Avvocatura ha ritenuto di doversi assumere la responsabilità e l’impegno di essere vicina ai giovani per insegnar loro a comunicare in modo efficace ed efficiente.

     

    Tanto poiché essere cittadino nella famiglia, nella scuola, nella società vuol dire saper comunicare in modo corretto, abbandonando modalità e strategie da talk show, per far sì che la disputa da momento di s-contro diventi luogo di in-contro.

    L’obiettivo del Torneo è, infatti, quello di fornire ai giovani le tecniche per saper argomentare e controargomentare in maniera efficace ed efficiente, permettendo di acquisire la padronanza del “saper dire” e “contraddire” mediante un discorso efficace modulato a ritmo di ethos, logos e pathos.

    Molto suggestiva, avvertita e partecipata la cerimonia introduttiva in cui, fra l’altro, si sono registrati gli interventi del Presidente del Consiglio dell’Ordine Distrettuale  degli Avvocati di Catanzaro, avv. Antonello Talerico, del Consigliere referente in materia di progetti educazioni alla legalità dello stesso Ordine, avv. Felice Foresta, della Coordinatrice della Commissione progetti educazione legalità del CNF, avv. Daniela Giraudo, e della Dirigente del Liceo Classico “Pasquale Galluppi” di Catanzaro, Prof.ssa Elena De Filippis.

    La prossima sfida in semifinale per i ragazzi della prof.ssa Zampetti sarà lunedì prossimo contro i colleghi del Liceo Classico “Morelli-Colao” di Vibo Valentia.

    Più informazioni su