Quantcast

Cropani, cani abbandonati e affamati per strada

E' la denuncia dei volontari dell'associazione "Balzoo, amici di Ronzo", che ne hanno trovato almeno 6 cuccioli nella zona di San Lorenzo

Più informazioni su

    Non usa giri di parole l’associazione “Balzoo, amici di Ronzo” nel denunciare e stigmatizzare la presenza di diversi cani randagi sul territorio di Cropani.
    La località dove insistono cani randagi è San Lorenzo, è li che i volontari dell’associazione animalista segnalano la presenza di cani abbandonati e affamati, costretti a vivere di avanzi e all’addiaccio.

    “Oggi ( ieri ndr) abbiamo visto almeno sei cani abbandonati sul territorio di Cropani. Ci sono mamme con i cuccioli. Abbiamo dato loro da mangiare, ma non possiamo portarli con noi e ci stiamo male. Il nostro è un grido di dolore, un appello alle istituzioni. L’abbandono di queste povere creature è una forma di incuria e di ignoranza, logica conseguenza di anni e anni di noncuranza. Noi volontari non abbiamo i superpoteri. Chiediamo alle istituzioni di attivarsi con un piano programmato di sterilizzazioni” denuncia, senza perifrasi e con tanto di video, sui social il volontario Balzoo Vincenzo Deodati, precisando che l’ associazione ha già in cura quasi settanta cani nel rifugio della propria sede sociale.

    Sull’annosa vicenda riportiamo il parere del primo cittadino di Cropani Raffaele Mercurio, anche consigliere provinciale, che non solo non minimizza il problema randagismo, ma avanza anche una proposta di collaborazione alle associazioni e ai singoli animalisti: “Il problema randagismo c’è e non solo in località San Lorenzo e non solo a Cropani. Invito l’associazione Balzoo e altri animalisti a confrontarci per studiare insieme una strategia concreta al fine di contrastare il triste fenomeno degli animali vaganti e abbandonati. Serve un progetto. Solo facendo rete, possiamo dare una risposta alla piaga dell’abbandono.”
    Canili sovraffollati, animali abbandonati o vaganti: il randagismo in Calabria ha raggiunto livelli drammatici e incompatibili con una società civile.

    Più informazioni su