Quantcast

Vogliono fare saltare in aria il procuratore Gratteri. Allarme dei servizi, progetto criminale sarebbe in fase avanzata

Ne parla il giornale il Fatto Quotidiano. Tutto sarebbe partito da una intercettazione captata Oltreoceano. Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo dalla Procura di Salerno

Più informazioni su

    Un progetto della criminalità e che sarebbe in fase avanzata con l’obiettivo di fare saltare in aria il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. Se ne parla oggi in un articolo pubblicato dal giornale il Fatto Quotidiano a firma di Lucio Musolino che fa riferimento a segnalazioni arrivate alcune settimane fa ma rimaste riservate finora riservate. Non è la prima volta circolano ipotesi di questo genere, l’ultima volta un paio d’anni fa dopo l’operazione Rinascita Scott.

    Secondo quanto si legge nell’articolo tutto sarebbe partito probabilmente da una intercettazione captata oltreoceano che riguarderebbe soggetti collegati ad alcune famiglie mafiose infastidite da determinate indagini di Gratteri che minano gli affari della ’ndrangheta non solo in Calabria, ma anche in Sudamerica e negli Stati Uniti.

    Gli apparati di sicurezza hanno quindi immediatamente lanciato allarme il ministero degli Interni ha per questa ragione rafforzao da un po’ di tempo la scorta aggiungendo altre tre autovetture blindate dotate di sofisticati supporti tecnologici.

    Tutto – sempre secondo quanto si apprende dal Fatto Quotidiano – è scritto in una comunicazione secretata e trasmessa ai Servizi segreti italiani secondo cui appunto le cosche calabresi starebbero organizzando un attentato in grande stile mediante ordigno collegato a un telecomando. L’intercettazione riguarda soggetti collegati ad alcune famiglie mafiose infastidite da determinate indagini di Gratteri che minano gli affari della ’ndrangheta non solo in Calabria, ma anche in Sudamerica e negli Stati Uniti.

    Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo dalla Procura di Salerno, competente sulle inchieste in cui sono parti offese i magistrati del distretto di Catanzaro.

    Più informazioni su