Consorzio Bonifica Ionio Catanzarese: è ricominciata nelle campagne la guerra dell’acqua

Borrello: "Distribuzione A2a è iniqua. Gli agricoltori ed il Consorzio sono in forte allarme. A nulla finora sono valse le continue sollecitazioni"

Più informazioni su

    “I diritti del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese e di conseguenza quelli degli agricoltori sanciti dalla convenzione per i rilasci idrici da parte di A2A non vengono rispettati, nonostante la multiutility tenti di affermare il contrario. Questo in estrema sintesi – afferma Fabio Borrello Presidente del Consorzio – quanto sta accadendo. Una situazione – chiarisce – che rimette all’ordine del giorno la ‘guerra dell’acqua’ nelle campagne e che vede gli agricoltori ed il Consorzio in forte allarme. E’ evidente che i volumi idrici non sono stati adeguati alle richieste del Consorzio e la situazione che si sta già verificando nel mese di giugno, con alte temperature, persistente siccità e assenza di piogge sta accentuando le già notevoli difficoltà alle aziende agricole.

    La Convenzione – spiega Borrello – prevede un rilascio di acqua, a valle del Centrale di Magisano di 160mila metri cubi medi giornalieri, A2A, ne rilascia la metà e tra questi è compreso il rilascio per l’uso potabile. A nulla finora – commenta Borrello – sono valse le continue e ripetute sollecitazioni ad A2A per adeguare i volumi idrici e chiedere il rispetto della Convenzione e l’immediato adeguamento dei rilasci. Ci sono – ribadisce – conseguenze economico-sociali e il futuro e la gestione delle risorse idriche è argomento di grande attualità e quindi non possiamo che mettere in atto, a beneficio degli agricoltori, tutte le iniziative possibili, per ottenere ‘ad ogni costo’ quello che legittimamente spetta agli agricoltori, perché non è accettabile che si penalizzino risorse vitali come il cibo e l’ambiente. a2a – commenta Borrello -assicura collaborazione ma poi nella realtà esercita una posizione dominante che – aggiunge – spetta alla Regione limitarla poiché proprietaria degli invasi silani.

    Per garantire un sistema di sempre maggiore qualità e programmazione nella gestione, non ci siamo mai sottratti ad importanti momenti di confronto, che però per a2a, in passato hanno assunto un effetto dilatatorio mentre per il Consorzio, migliorare, condividere e uniformare l’assetto definitorio del ciclo dell’acqua è cruciale per mettere a punto scenari in grado di garantire un futuro all’agricoltura di qualità. Di tutto questo – conclude Borrello – costantemente abbiamo informato la Regione Calabria che deve vigilare sul rispetto della Convenzione”.

    Più informazioni su