Da domani all’11 novembre attività pubbliche e private sospese a San Pietro a Maida

Lockdown di 10 giorni imposto dal sindaco Domenico Giampà

Più informazioni su

    Da domani all’11 novembre attività pubbliche e private sospese a San Pietro a Maida, con il sindaco Domenico Giampà ad emanare le apposite ordinanze per cercare di arginare la catena di contagi nel proprio territorio, con divieto di uscire, se non per ragioni di lavoro, salute o necessità dalla propria abitazione.

    A dare un senso di ritorno al blocco totale delle attività vissuto già nei mesi precedenti la chiusura di tutte le attività commerciali di vendita al dettaglio presenti sul territorio ad eccezione di farmacie, generi alimentari, tabacchi, vendita prodotti per l’igiene per la casa e per la persona, mentre per pub, ristoranti, pizzerie, pasticceria è consentita l’attività con la modalità da asporto o preferibilmente con consegna a domicilio su prenotazione telefonica.

    Sarà consentita l’attività di fioreria con consegna al cimitero dei prodotti, esclusivamente con prenotazione telefonica, in occasione della commemorazione dei defunti nei giorni stabiliti dal Comune con apposita Ordinanza.

    Sono consentite le attività di cantiere, agricola, di vendita all’ingrosso e di prodotti utili allo svolgimento di dette attività, nel rispetto dei protocolli anti-covid-19, mentre sarà consentita l’apertura di uffici e studi professionali solo ed esclusivamente previo appuntamento.

    E’ fatto divieto di apertura di tutte le attività di vendita al dettaglio non ricomprese nella presente

    ordinanza, chiuse anche ville e parchi comunali, call center.

    Fino all’8 novembre chiusi in via Costantino l’ambulatorio medico, studi dentistici e medico professionali, salvo casi d’urgenza, sospeso il mercato settimanale, compresa la vendita in forma itinerante, a scopo cautelativo, in Piazza Aldo Moro. Sospese anche le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado dell’Istituto Comprensivo Statale di Maida, Plesso di San Pietro a Maida.

    Fino a nuova disposizione prevista la chiusura degli Uffici Comunali al pubblico, a scopo cautelativo, al fine di prevenire una potenziale trasmissione del virus e sanificare tutto il Palazzo Comunale, salvo casi urgenti e comprovati, previo appuntamento telefonico.

    Più informazioni su