Quantcast

“Uniti possiamo” del comune di Martirano Lombardo scrive alla Provincia sulle strade SP73 ed SP93

Luigina De Santo, Valentina Isabella, Gennaro Vescio sollecitano interventi al presidente Abramo

Più informazioni su

    Lettera aperta del gruppo di minoranza “Uniti possiamo” del comune di Martirano Lombardo indirizzata alla Provincia sullo stato in cui versano le strade Provinciali SP73 ed SP93.

    «Di fatto, la manutenzione stradale risulta essere alquanto scadente, soprattutto in questi periodi di massima vegetazione. Le erbacce e i rovi, invadono la careggiata rendendo difficoltoso e pericoloso il transito di qualsivoglia veicolo, inoltre, le cunette, dove sono presenti, sono tutte sepolte e ostruite creando una ostacolo al corretto deflusso delle acqua piovane, col pericolo che ne consegue, soprattutto in un territorio estremamente franoso quale in nostro» scrivono Luigina De Santo, Valentina Isabella, Gennaro Vescio.

    Si chiede al presidente Abramo di «voler prendere in giusta considerazione istanza, che è la stessa di tanti cittadini. Siamo convinti che in questi momenti di difficoltà, si deve almeno cercare di organizzare e indirizzare ogni sforzo possibile per programmare almeno una manutenzione ordinaria periodica, puntuale ed efficiente per dare un minimo di decoro, controllo e sicurezza a chiunque percorri queste strade. Gli operatori Provinciali, attraverso il controllo e le loro periodiche attività, dovrebbero evitare il giungere a situazioni estreme, sia in estate che in inverno».

    Secondo i consiglieri «con l’apertura della stagione estiva questa situazione di incuria comporta anche notevoli inconvenienti di natura igienico-sanitaria come il proliferare di insetti e soprattutto il pericolo di incendi», lamentando che «in alcuni tratti l’erba invade le carreggiate, riducendone la larghezza utile, soprattutto nelle curve, generando così un serio pericolo per la sicurezza del traffico veicolare. Inoltre, la situazione è tale che, anche la segnaletica verticale è in alcuni punti, coperta dalla vegetazione e quindi illeggibile. Per quanto riguarda il guarda-rail, per lunghi tratti è coperto dalle erbacce e da rovi».

    Più informazioni su