Teatro Rossosimona, torna “Ars Longa Vita Brevis” di e con Alessandro Scanderbeg, il 27 febbraio a Crotone

Una ripresa teatrale per un testo che racconta con ironia e un pizzico di rabbia la fatica e le difficoltà dell’essere artista.

Più informazioni su

    Una ripresa teatrale per un testo che racconta con ironia e un pizzico di rabbia la fatica e le difficoltà dell’essere artista. Il monologo Ars longa vita brevis”, scritto, diretto e interpretato da Alessandro Castriota Scanderbeg, torna in scena domenica 27 febbraio alle 18.30 al Teatro della Maruca di Crotone (Kr) nell’ambito della sezione OFF della rassegna “Crotone…Voglia di Teatro”, a cura della GF Entertainment.
    Una produzione recente della compagnia Teatro Rossosimona guidata da Lindo Nudo nella quale frustrazione e precarietà di chi lavora nel mondo dello spettacolo vengono narrate in chiave farsesca attraverso siparietti dove più voci mostrano il cammino incessante alla ricerca di un lavoro che non mortifichi una professionalità costruita in anni di studio. Il sopraggiungere della pandemia acuisce la problematica e l’artista si scopre ancora più fragile, senza possibilità di realizzazione e senza sostegno economico, per poi capire, nel letargo sul suo immancabile letto sfatto, che l’essenza della vita sta nel percorso e non nell’arrivo, nella fede in sé stessi, nell’umiltà, nella solarità, nella dignità e  nell’amore. Scanderbeg – autore, attore, musicista e cantante con esperienze al Teatro dell’Opera di Roma, all’Accademia Chigiana di Siena e nell’orchestra nazionale jazz di Paolo Damiani – integra testi e musiche da lui composti con liriche di Gioacchino Rossini e brani di Herman Hupfeld e Nice. Una riflessione fra il divertente e l’amaro che indaga il tema sempre attuale della precarietà dei lavoratori dello spettacolo.
    Lo spettacolo si svolgerà seguendo la normativa vigente anti Covid-19. Green Pass obbligatorio. Teatro Rossosimona è compagnia riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come Impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione dal 2003 e nel 2004 ha ottenuto il riconoscimento della Regione Calabria come compagnia professionale (L.R. n. 19/2017).

    picture

    Più informazioni su