Mercoledi, 14 novembre 2018 ore 13:59
     
Notizia

CRONACA / Fdc, concorso per autisti: ultimatum parlamentari 5stelle ad Oliverio

"Verifichi procedure o denunciamo alla magistratura e protestiamo sotto il suo ufficio"

Lunedì 05 Novembre 2018 - 13:8
CalabriaInforma.it: Fdc, concorso per autisti: ultimatum parlamentari 5stelle ad Oliverio

«Alla luce delle notizie stampa sul concorso per autisti delle Ferrovie della Calabria, il governatore Mario Oliverio disponga subito una verifica delle relative procedure, a tutela dell'amministrazione pubblica». Lo affermano, in una nota, i parlamentari M5s Francesco Sapia, Giuseppe d'Ippolito, Bianca Laura Granato e Paolo Parentela, che aggiungono: «Sono pesantissime le informazioni circolate a proposito della selezione dei candidati, a partire dallo spostamento di una prova perché un concorrente, pare in stretto rapporto con lo stesso Oliverio, non avrebbe ancora avuto la patente per la guida degli autobus. Inoltre, in prevalenza le domande dello scritto non avrebbero riguardato le norme sulla circolazione stradale ma argomenti ben diversi». «Rispetto all'opportuna verifica da noi richiesta, attendiamo dal governatore – continuano i 5stelle – notizie certe entro tre giorni, poi ci vedremo costretti a presentare un esposto alla magistratura e a organizzare un'iniziativa pubblica di protesta sotto il suo ufficio. Oliverio predica legalità e trasparenza fin dal suo insediamento, ma in proposito non abbiamo ancora visto fatti conseguenti». «Infine – concludono i parlamentari 5stelle – gli ricordiamo che il sostituto del dimissionario direttore generale dell'Asp di Crotone, Sergio Arena, non può essere il direttore amministrativo Giuseppe Fico, il quale per norma decade assieme allo stesso Arena, che gli conferì l'incarico. Il governatore e la giunta della Calabria procedano dunque all'immediata nomina del nuovo vertice dell'Asp di Crotone, scegliendolo dall'elenco nazionale degli idonei, da cui in ogni caso non si può per legge prescindere. Lo stesso facciano per l'Asp di Reggio Calabria e di Catanzaro, che non hanno i direttori generali».




Altre notizie