Lunedi, 10 dicembre 2018 ore 20:48
     
Notizia

CRONACA / 'Ndrangheta:arresto latitante; nel 2017 minacce a troupe Rai

"Non tornate più a San Luca se no siete morti"

Sabato 10 Novembre 2018 - 11:57
CalabriaInforma.it: 'Ndrangheta:arresto latitante; nel 2017 minacce a troupe Rai

Nel maggio del 2017 Antonio Callipari, il latitante di 'ndrangheta arrestato stamattina dai carabinieri del Gruppo di Locri, aveva minacciato una troupe di Rai Tre che stava effettuando alcune riprese andate poi in onda durante la trasmissione televisiva "Presadiretta". Per quell'episodio, nel marzo del 2018, il Gip del Tribunale di Locri aveva emesso a carico di Callipari un provvedimento cautelare sulla base del quale, a seguito delle indagini condotte dai carabinieri sotto la direzione della Procura di Locri, il giovane é accusato dei reati di minaccia aggravata e tentata rapina commessi in concorso con altre persone. "Non tornate più a San Luca se no siete morti", aveva intimato Callipari ai tre giornalisti di Rai Tre, dopo avere tentato anche di rapinarli di un cellulare per impedire loro un'eventuale chiamata di soccorso e dopo numerose altre minacce per indurli a spegnere le telecamere e cancellare i filmati. La troupe, tuttavia, quel giorno riuscì a fuggire indenne dal paese e a mandare poi in onda tutti i filmati nella puntata di "Presadiretta" andata in onda il 25 settembre del 2017, consentendo così l'avvio delle indagini da parte della Stazione di San Luca dei carabinieri. Callipari, "considerato, a seguito delle risultanze investigative - riferiscono i carabinieri in una nota stampa - quale promotore delle attività illecite dell'organizzazione, che peraltro ha commesso i traffici con la costante disponibilità di armi, coordinava gli approvvigionamenti di cocaina e di altri tipi di sostanze stupefacenti dalla Calabria alla Lombardia mediante l'utilizzo di apposite auto con doppio fondo in grado di movimentare fino a 50 chili di cocaina alla settimana". Nell'ambito delle indagini sono stati inoltre documentati numerosi viaggi sull'asse Milano-San Luca che consentivano il rientro alla "base" operativa della cosca di ingenti capitali provento dei traffici illeciti. E la consistente somma di denaro contante che il latitante trovata in possesso del latitante nel momento dell'arresto, confermerebbe questo assunto investigativo.




Altre notizie