Venerdi, 23 agosto 2019 ore 08:24
     
Notizia

ARTE E CULTURA / Il presidente Irto al Salone del libro di Torino

Il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto ha partecipato al salone del Libro di Torino

Domenica 12 Maggio 2019 - 13:39
CalabriaInforma.it: Il presidente Irto al Salone del libro di Torino

“Il Salone del Libro si conferma anche quest’anno appuntamento di rilevanza internazionale ed è un piacere riscontrare che in questo straordinario caleidoscopio culturale che si dispiega nei 63mila quadri del Lingotto con oltre 1200 incontri, la Calabria è presente con la sua consistente produzione narrativa e saggistica.”

L’ha detto il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto che, a proposito degli editori calabresi, ha aggiunto: “Sono tanti, ingegnosi e coraggiosi. A loro voglio rivolgere i miei complimenti per l’importante lavoro che svolgono. Il fatto che il Censis nel 52mo Rapporto (2018) sulla situazione sociale del Paese, segnali, oltre alla frattura generazionale nei consumi mediatici, che i lettori di libri continuano a diminuire, sottolineando che se nel 2007 il 59,4% degli italiani aveva letto almeno un libro nel corso dell'anno, nel 2018 il dato è sceso al 42% (-0,9% rispetto al 2017) senza peraltro che gli e-book riescano a compensare la riduzione, illustra una condizione difficile che deve preoccupare tutti. Se vogliamo governare la fase di transizione che il Paese e l’Europa attraversano, avviando una nuova stagione d’impegno civile all’insegna dei valori della civiltà occidentale, il contributo degli intellettuali, specie nel Mezzogiorno, è decisivo. La cultura deve essere il bastione di resistenza al linguaggio della violenza e alla dissoluzione del bene comune che i mutamenti in atto minacciano. Un pezzo del processo di riscatto e di salvaguardia del Progetto Europeo che affossare sarebbe pura follia. La visione giusta, che si avverte al Salone del Libro, che opportunamente riserva grande attenzione all’identità culturale europea, è un’Europa dei popoli che si fa carico dei problemi dei cittadini e non scarica sugli ultimi le conseguenze della crisi, ma che, anzi, dai mari del Nord al Mediterraneo rigetta l’egoismo e la concezione per cui il diverso va considerato come nemico. La Calabria, terra di emigrazione e alle prese con decine di contraddizioni, ha bisogno che le sue classi dirigenti con i ‘saperi’ diffusi sul territorio, si muovano assieme, consapevoli del forte contributo che possiamo dare grazie alla nostra plurimillenaria storia, in vista dell’irrobustimento dell’Unione e per perseguire non obiettivi strumentali e demagogici, ma il bene comune”.

Nicola Irto ha partecipato alla presentazione del libro del giornalista Aldo Mantineo “Dire Fare Comunic@re/Gestire un ufficio stampa nel tempo dei sociali”: “E’ uno strumento di lavoro utile - ha detto - per chi opera nel mondo degli uffici dell’informazione ed un’ottima guida per i giovani attratti dalle pubbliche relazioni”.

Con l’assessore alla Cultura Maria Francesca Corigliano e il giornalista Filippo Veltri ha discusso dell’ultimo libro di Mimmo Gangemi: “Marzo per gli agnelli”. Ha segnalato l’importanza della spiritualità dei monaci cappuccini a Reggio e in Calabria conversando con padre Giuseppe Sinopoli (ha partecipato il giornalista Romano Pitaro) che ha illustrato il suo ultimo lavoro: “La riforma cappuccina in Calabria nel 5oomo anniversario”.

Nel libro si sostiene che i monaci calabresi furono i primi a d abbracciare il carisma cappuccino, non per rivendicare primogeniture, ma per sottolineare il bisogno di attenzione a quell’humus ricco di esperienze spirituali (eremiti bizantini, Nilo di Rossano, Gioacchino da Fiore e Francesco da Paola) in cui è sbocciata la riforma cappuccina. Il presidente Irto, infine, ha preso parte (ha moderato gli incontri la giornalista Daniela Rabia) alla presentazione del “Patto per la lettura del Comune di Taurianova” con il sindaco Fabio Scionti e alcuni amministratori locali e alla presentazione del “Premio Rhegium Juli 2019 a cura di Mario Musolino: “La cultura - ha concluso Irto - è l’antidoto formidabile, su cui convogliare risorse economiche ed umane, per sconfiggere la rassegnazione, l’illegalità e le mafie. Dobbiamo aprirci, non rinchiuderci; impegnarci e non essere indifferenti, solo così ricostruiremo una presenza meridionalista forte, nel solco delle figure di altissimo profilo che hanno contrassegnato la storia della Calabria”.




Altre notizie