Venerdi, 23 agosto 2019 ore 08:33
     
Notizia

POLITICA / Mare già sporco, controlli al depuratore: 'Funziona, colpa del fiume'

Il sopralluogo nella zona di Lido è stato eseguito dall'assessore Longo insieme al consigliere Ursino che chiederanno incontro a sindaci dei Comuni bagnati dal Corace

Venerdì 07 Giugno 2019 - 17:0
CalabriaInforma.it: Mare già sporco, controlli al depuratore: 'Funziona, colpa del fiume'

Mare sporco? L’impianto di depurazione di località Verghello è funzionante: lo hanno verificato, nel corso di un sopralluogo, l’assessore ai lavori pubblici, Franco Longo, il consigliere comunale di Catanzaro da vivere, Antonio Ursino, il capo di gabinetto Antonio Viapiana e il dirigente del settore gestione del territorio Guido Bisceglia.

I rappresentanti dell’amministrazione hanno potuto monitorare l’efficacia del sistema depurativo della città, dalle turbine all’ossigenazione e stoccaggio dei fanghi oltre al nuovo processo di separazione dei fanghi da eventuali rifiuti presenti nel liquame. “La corretta lavorazione delle acque di scolo ha confermato l’efficienza dell’impianto, ma ci impegneremo per eseguire tutti gli eventuali interventi finalizzati a migliorare ancora di più, soprattutto durante i mesi estivi, il funzionamento della struttura”, hanno affermato Longo, Ursino, Viapiana e Bisceglia.

Nei prossimi giorni – è stato annunciato – inizieranno ulteriori lavori di potenziamento dell’impianto in merito al trattamento dei fanghi per un importo di circa 150mila euro.

La delegazione di Palazzo De Nobili ha anche dovuto prendere atto dell’esistenza di un fenomeno di inquinamento in mare all’altezza della foce del torrente Corace: “Dovuto – hanno sottolineato – alle condizioni igieniche non ottimali del corso d’acqua”.

Per questo motivo, d’accordo con il sindaco Sergio Abramo, l’amministrazione comunale chiederà alla Provincia un incontro con gli altri sindaci dei Comuni attraversati dal Corace e dagli altri fiumi che sfociano nel tratto di mare catanzarese. “Riteniamo che sulla questione inquinamento dei fiumi le amministrazioni debbano concertare un’azione sinergica per ridurre il più possibile questo fenomeno”, hanno ribadito Longo, Ursino, Viapiana e Bisceglia.




Altre notizie