Giovedi, 24 ottobre 2019 ore 01:00
     
Notizia

CRONACA / Saldi estivi, al via domani: è caccia all'affare

La spesa media sarà di 230 euro, giro d'affari di 3,5 mld

Venerdì 05 Luglio 2019 - 17:32
CalabriaInforma.it: Saldi estivi, al via domani: è caccia all'affare

Da domani sabato 6 luglio scattano i saldi estivi in tutte le regioni. Gli sconti già partiti in Campania il 29 giugno, il 1 luglio in Sicilia e Liguria, il 2 luglio in Basilicata, in molti negozi sono già iniziati soprattutto per chi è in possesso delle carte fedeltà. Secondo le stime dell'Ufficio Studi Confcommercio, quest'anno per l'acquisto di capi scontati ogni famiglia spenderà in media poco meno di 230 euro - circa 100 euro pro capite - per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro. "Visto il disastro delle vendite in stagione - afferma il presidente di FederModaMilano e Federazione Moda Italia Renato Borghi - che ha travolto un settore basato sulla stagionalità dei prodotti, speriamo che la sopita voglia di shopping dei mesi passati si risvegli trasformandosi in una crescita degli acquisti". Per questi saldi estivi FederModaMilano stima sconti medi del 30-40% con una spesa media di 150 euro per una spesa complessiva di 440 milioni di euro.

Complice il maltempo, per l'abbigliamento si è trattato di una stagione disastrosa e numerosi negozi hanno lanciato sconti e promozioni speciali per i propri clienti, con ribassi che arrivano fino al -60% proposti via sms, Facebook, Whatsapp o con email.

Per il Codacons poco interesse e spesa media stabile a 65 euro a testa

Non si registrerà alcuna impennata delle vendite nei saldi e nelle grandi città saranno principalmente i turisti stranieri ad alimentare il giro d'affari degli sconti. Lo afferma il Codacons, che stima che lo scontrino medio italiano si aggirerà attorno ai 65 euro procapite, in linea con i dati del 2018. "Al momento non si registra un particolare interesse dei consumatori per i saldi, e le aspettative dei commercianti rischiano di rimanere deluse", spiega il presidente Carlo Rienzi. "Il forte calo della fiducia delle famiglie - osserva Rienzi - e l'incertezza sul futuro del paese, congiuntamente alla data di partenza dei saldi fissata per luglio, periodo in cui la maggior parte dei cittadini nei weekend preferirà recarsi al mare, giocano un ruolo determinante sull'andamento delle vendite".

I negozianti sono, secondo il Codacons, ben consci di tale situazione, non a caso da un lato i saldi partiranno con percentuali di sconto elevatissime, fino al 50% già dai primi giorni di promozione, dall'altro numerosi negozi e catene commerciali hanno già da settimane anticipato la partenza dei saldi in tutta Italia, attraverso promozioni speciali.




Altre notizie