Giovedi, 17 ottobre 2019 ore 22:32
     
Notizia

CRONACA / Ruba auto, Carabinieri lo fermano dopo inseguimento. Poi si sente male

Nuovo arresto per il 32enne Vincenzo Cimino, già noto alle forze dell'Ordine

Venerdì 02 Agosto 2019 - 9:47
CalabriaInforma.it: Ruba auto, Carabinieri lo fermano dopo inseguimento. Poi si sente male

È stato arrestato più volte dall’inizio dell’anno, nonché denunciato a piede libero: si tratta di Vincenzo Cimino, 32enne pregiudicato di Soveria Mannelli, già noto alle Forze di Polizia. Secondo quanto riferito dai Carabinieri erano le ore 11 circa di giovedì 1° agosto quando veniva allertata la Centrale Operativa della Compagnia di Soveria Mannelli circa il furto di un’autovettura avvenuto in questo centro. 
I Carabinieri della locale Stazione si adoperavano tempestivamente alla ricerca del veicolo fino a quando lo intercettavano. Cimino, alla vista dei militari e, nonostante questi gli avessero intimato l’alt, si dava alla fuga accelerando la corsa. Ne scaturiva un inseguimento di circa 10 Km per le vie della città e per le limitrofe frazioni.

Noncurante per l’incolumità pubblica Cimino, a tutto gas, sorpassava pericolosamente in curva diversi veicoli, imboccava in senso opposto di marcia alcune arterie stradali rischiando di travolgere ad alta velocità tre donne e un venditore ambulante. La folle corsa del pericoloso soggetto terminava presso la propria abitazione allorquando decideva di barricarsi all’interno. 

I Carabinieri della Stazione, coadiuvati dai militari dell’Aliquota Radiomobile e di altre Stazioni distaccate giunti nel contempo sul posto, con estenuante sforzo, riuscivano ad accedere all’interno dell’abitazione bloccando il soggetto trovato in evidente stato di alterazione psicofisica. Successive attività info – investigative consentivano agli operanti di rinvenire all’interno dell’immobile una carabina, risultata provento di furto, un proiettile cal. 7.65 e materiale vario per il confezionamento e il consumo di sostanze stupefacenti, tra cui due bilancini di precisione. 

Il materiale veniva posto sotto sequestro penale, il veicolo invece restituito al legittimo proprietario. Sono scattate dunque le manette per Cimino che dovrà rispondere dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, furto aggravato, ricettazione, detenzione abusiva di munizioni e guida senza patente poiché revocata, giusto decreto prefettizio del marzo 2018, infrazione questa commessa ed accertata in più occasioni.

Durante le formalità di rito Cimino accusava un malore, motivo per cui veniva soccorso presso gli uffici della Compagnia Carabinieri dai sanitari del 118 e, trasportato, dapprima presso il locale nosocomio e, successivamente, presso il Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme ove sarà trattenuto in osservazione per ulteriori accertamenti, in stato di arresto. Non appena dimesso lo stesso verrà tradotto nella Casa Circondariale di Catanzaro-Siano, a disposizione del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Lamezia Terme e, in attesa del giudizio direttissimo.




Altre notizie