Lunedi, 11 novembre 2019 ore 21:33
     
Notizia

SANITA' E SALUTE / A Roma il tavolo ministeriale su emergenza precari in Calabria

La Regione ha formalmente avanzato la proposta di differire i termini del requisito dal 31 dicembre 2017 al 31 dicembre 2019, mantenendo inalterati sia i vincoli che l'insieme dei requisiti dei termini di stabilizzazione previsti dalla legge Madia

Venerdì 27 Settembre 2019 - 17:47
CalabriaInforma.it: A Roma il tavolo ministeriale su emergenza precari in Calabria

Si è  tenuto nel primo pomeriggio di oggi a Roma, per come concordato nell'incontro di martedì scorso tra il ministro Speranza e il presidente della Regione Mario Oliverio, il tavolo di lavoro tra Ministero e Regione sulle emergenze della sanità calabrese. Il tavolo è stato presieduto dal capo di Gabinetto del ministro, dott. Zaccardi, collaborato dalle Direzioni Generali interessate, mentre la Regione è stata rappresentata dal delegato del presidente Oliverio alla Sanità Franco Pacenza e dal dirigente generale del dipartimento Tutela della Salute della Regione Antonio Belcastro.

L’ incontro odierno è stato dedicato esclusivamente alle questioni riguardanti il personale sanitario. Per quanto riguarda la scadenza delle graduatorie è stata condivisa la necessità di prevedere una proroga delle scadenze previste per il prossimo 31 dicembre. Per quanto riguarda i precari, la Regione ha formalmente avanzato la proposta di differire i termini del requisito dal 31 dicembre 2017 al 31 dicembre 2019, mantenendo inalterati sia i vincoli che l'insieme dei requisiti dei termini di stabilizzazione previsti dalla legge Madia.

Ciò in considerazione del fatto che il blocco delle assunzioni intervenute con il commissariamento alla data prevista dalla legge Madia ha trovato gran parte degli operatori sanitari calabresi privi del requisito. Ciò garantirebbe un atto di giustizia. La Regione ha chiesto un provvedimento straordinario e urgente da inserire in un provvedimento in itinere che potrebbe essere il D.L. 101 in discussione al Senato. I rappresentanti del Ministero hanno ritenuto oggettivo e possibile il percorso avanzato dalla regione e si sono riservati un approfondimento in sede legislativa- A seguito del necessario approfondimento il tavolo sarà nuovamente riconvocato.




Altre notizie