Venerdi, 6 dicembre 2019 ore 20:16
     
Notizia

CRONACA / Acquamala, Gratteri: 'Nessuno interviene perché chi è coinvolto vota'

Il procuratore di Catanzaro commenta così l'operazione di oggi: 'Chi è preposto ad intervenire, Comuni, Regioni, Stato centrale, non lo fa perché non è mediaticamente conveniente'

Giovedì 24 Ottobre 2019 - 13:45
CalabriaInforma.it: Acquamala, Gratteri: 'Nessuno interviene perché chi è coinvolto vota'

"Di zone dove si vende droga alla luce del sole in Italia ce ne sono tante, ma nessuno interviene sul piano sociale, dopo operazioni come quella di stamattina, perché è faticoso e non è conveniente dal punto di vista mediatico e, se vogliamo, anche elettorale". Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, nel corso della conferenza stampa sull'operazione "Acquamala" che ha portato all'arresto di 13 persone, presunte componenti di un'organizzazione criminale che avrebbe spacciato droga anche vicino alcune scuole utilizzando minori.

"Purtroppo - ha aggiunto Gratteri - c'è una alta percentuale di consumatori di tutte le droghe possibili, ma per debellare questi fenomeni non serve solo il livello giudiziario. Quando si arrestano gli spacciatori spesso questi sono anche tossicodipendenti che non vogliono andare in comunità. Fanno il carcere, ma quando escono riprendono a spacciare perché non sanno fare altro. E sul piano sociale tutti stanno a guardare. Chi è preposto ad intervenire, Comuni, Regioni, Stato centrale, non lo fa perché non è mediaticamente conveniente. Se parliamo, per esempio, di abusivismo edilizio, é conveniente se noi andiamo con la ruspa a buttare giù capanni o magazzini dicendo che così abbiamo risolto il problema in quell'area, ma in realtà lo abbiamo solo spostato. La gente, non avendo altro, non avendo alternative sociali, costruirà un altro villaggio abusivo. E allo stesso modo, parlando di droga, c'é chi continuerà a vendere cocaina perché nessuno interviene".

"In realtà, sul piano giudiziario - ha detto ancora il Procuratore di Catanzaro - servirebbe un sistema più severo e più proporzionato alla realtà criminale che dobbiamo affrontare, ma é sul piano sociale che nessuno si impegna per risolvere questa situazione perché è faticoso ma anche perché chi é coinvolto in queste vicende vota e fa votare".




Altre notizie