Sabato, 7 dicembre 2019 ore 23:28
     
Notizia

CRONACA / Droga, 108 persone indagate a Catanzaro (NOMI)

Questa mattina i carabinieri hanno notificato gli avvisi di conclusione delle indagini da parte della Procura: tre distinti gruppi criminali operavano nei quartieri di Gagliano, Fondachello e Pistoia

Sabato 16 Novembre 2019 - 11:32
CalabriaInforma.it: Droga, 108 persone indagate a Catanzaro (NOMI)

di Antonio Capria

Ci sono 108 indagati per reati legati allo spaccio di stupefacenti nell’ambito di una indagine coordinata dalla procura e condotta dai carabinieri della Compagnia di Catanzaro che questa mattina, con i militari del Nucleo radiomobile, hanno notificato gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari.   

Al centro dell'inchiesta tre distinti gruppi criminali radicati in diversi quartieri  della città e dediti allo spaccio di droga. 

Una prima presunta associazione, radicata a Gagliano, è dedita al traffico e allo spaccio di droghe leggere (hashish e marijuana) e sarebbe promossa e guidata da Domenico Rizza, mentre i principali collaboratori sarebbero Marco Riccelli, Vitaliano Costanzo e Vincenzo Rizza. L'associazione, che gli inqurenti considerano armata, si approvvigionava, secondo l'accusa, sul mercato napoletano, e avrebbe tentato un approvvigionamento anche sul mercato spagnolo. La droga veniva spacciata prevalentemente in località Cuturella, ai giardini di San Leonardo, e presso il campo del Parco Genziana a Mater Domini. 

Un altro gruppo criminale era invece radicato in località Fondachello, e sarebbe stato promosso e guidato da Sergio Rubino. La droga arrivava dal Vibonese.

Un altro gruppo era radicato in località "Pistoia", e sarebbe stato diretto dal duo Pino Passalacqua e Cosimo Passalacqua, che si approvvigionavano, secondo l'accusa, sul mercato Crotonese.  

Nell'inchiesta vengono anche contestati dagli inquirenti una serie di episodi di spaccio a partire dal 2010 (alcuni prescritti). Tre soggetti sono anche indagati in concorso per detenzione non autorizzata di armi, tra cui quattro pistole con relativo munizionamento, caricatori e un silenziatore (reato prescritto). 

I nomi degli indagati

Massimo Amato, Catanzaro,‘56

Gabriele Araldi, Catanzaro ‘92

Manuel Argirò, Catanzaro ‘81

Giuseppe Astorino, Catanzaro ‘83

Vincenzo Borromeo, Catanzaro ‘91

Francesco Boscato, Catanzaro ‘81

Preziosa Caliò, Caloveto ‘85

Alfredo Calabrò, Catanzaro ’83

Andrea Caracciolo, Catanzaro ‘83

Fiore Catizone, Cropani  ‘81

Biagio Chianese, Terracina ‘72

Damiano Ciancio, Acquaro (Vv) ‘57

Ivan Commisso, Vallefiorita ‘88

Vitaliano Costanzo, Catanzaro ‘91

Mariano Cristallo, Catanzaro ‘82

Mirko Danizio, Catanzaro ‘81

Meriem Essadik, Maierato ‘88

Giovanni Faiello, Napoli ‘75

Giuseppe Faiello, Napoli ‘64

Vittorio Falvo, Catanzaro ‘91

Bruno Gigliotti, Catanzaro ‘87

Maurizio Le Pera, Catanzaro ‘64

Danilo Loscavo, Simeri Crichi ‘79

Domenico Lomanno, Squillace ‘79

Vincenzo Matarese, Napoli ‘76

Gregorio Nappa, Catanzaro ‘75

Patrizio Nesci, Catanzaro ‘75

Pino Passalacqua, Catanzaro ‘87

Silvano Passalacqua, Catanzaro ‘87

Giuseppe Patania Stefananconi, (Vv) ‘80

Salvatore Patania, Stefananconi (Vv), ‘78

Andrea Pino, Catanzaro ‘91

Ida Pirozzi, Mugnano ‘74

Alessandro Pirrone, Catanzaro ‘85

Andrea Ponessa, Catanzaro ’88,

Giuseppe Prudente, Catanzaro ’89,

Rocco Raimondi, Vallefiorita ‘85

Mirko Rania, Catanzaro ’87,

 Andrea Tommaso Rotella , Catanzaro ‘77

 Domenica Reale, Napoli ‘81

Marco Riccelli, Catanzaro ‘89

Pasquale Riggio, Briatico ‘84

Domenico Rizza Catanzaro 56

 Vincenzo Rizza Catanzaro 84

Salvatore Romani Catanzaro 81

 Mario Rotundo Catanzaro 89

Sergio Rubino Catanzaro '77

 Luca Rubino Catanzaro '80

Antonio Sacco Catanzaro 77

 Simone Andrea Sangiuliano Catanzaro '87

 Stefano Sestito Catanzaro '89

 Emanuele Sergi Catanzaro '84

 Francesco Sgambati Gimigliano '92

Riccardo Sigillò, Isca sullo Ionio, ’83

Federico Tagliati, Torino, ’75

Ivan Tarantino, Simeri Crichi, ’90

Antonio Trapasso, Catanzaro, ’90

Iolanda Trifilio, Diamante, ’88

Giampaolo Tripodi (detto Gianni), ’89

Erik Tufo, Diamante, ’89

Rhama Ungaro, Squillace, ’86 (Nato in India)

Nicola Tavano, Catanzaro, ‘ 76

Francesco Varano, Squillace, ’85

Antonio Gualtieri, Catanzaro, ’72

Massimo Purcaro, Catanzaro, ’74

Luca Iiritano, Catanzaro, ’82

Giuseppe Palaia, Catanzaro, ’79

Antonio Scozzafava, Catanzaro, ’63

Domenico Passalacqua, Catanzaro ’73

Massimo Bevilacqua, Catanzaro ’77

Stefania Bevilacqua, Catanzaro ’78

Giosuele Passalacqua, Catanzaro ’94

Mohammed Baba, Catanzaro, ’79 (Nato in Marocco)

Issam Asseffa, Catanzaro ’77  (Nato in Marocco)

Mohamed Atmoun, Catanzaro, ’90

Esterino Peta, Catanzaro ’88

Alessandro Cacia, Catanzaro ’83

Giuseppe Carmeli, Catanzaro ’83

Giuseppe Cosentino, Catanzaro ’84

Sergio Polito, Catanzaro ’78

Leonardo Talarico, Catanzaro ’91

Vincenzo Talarico, Catanzaro ’89

Danilo Mannarino, Caraffa ’90

Stefano Arcuri, Settingiano ’90

Marco Basile, Catanzaro ’88

Ezio Critelli, Catanzaro ’91

Elisa Cubello, Catanzaro ’90

Anna Fulciniti, detta Annabella, Catanzaro ’91

Maurizio Granato, Catanzaro ’84

Paolo Gravino, Catanzaro ’82

Domenico Iervasi, Catanzaro ’89

Claudio La Fauci, Catanzaro ’84

Mokhtar Majdi, Catanzaro, ’86 (Nato in Marocco)

Silvia Napoli, Catanzaro ’86

Rosario Niisticò, Catanzaro ’90

Pierluigi Notarianni, Catanzaro ’81

Salvatore Porchia, Catanzaro ’88

Jonathan Rosi, Catanzaro ’88

Marco Scumaci, Catanzaro ’89

Valerio Merlino, Caraffa ’94

Francesco Fontanella, Caraffa ’90

Francesco Adamo, Caraffa ’88

Tommaso Nesci, Caraffa, 92

Saverio Mazzei, Caraffa, 84

Salvatore Catizzone, Zagarise ’85

Pasquale Catizzone, Zagarise, 83

Cosimo Passalacqua Catanzaro ’76

Domenico Canino, Catanzaro ’94

Tra i tanti avvocati impegnati nella difesa degli indagati: Piero Chiodo, Maria Aiello, Antonio Ludovico Nicola cantafora, Salvatore Staiano, Enzo De Caro Gregorio  Viscomi, Emilio de caro, Magda Mellea Raffaele Fioresta, Arcangelo De Caro, Giuseppe Vetrano Simona Longo Antonio Lomonaco Giovanni Mercante.

E' opportuno ricordare che l'avviso di conclusione indagini è un atto che serve a garantire agli indagati la possibilità di esercitare in pieno il diritto di difesa. Ora gli indagati avranno 20 giorni per produrre memorie, documenti, investigazioni difensive e chiedere di essere sottoposti ad interrogatorio. Solo dopo il pm avrà la facoltà di chiedere l'archiviazione del procedimento o decidere di proseguire nell'esercizio dell'azione penale. 




Altre notizie