Marino (Nuovo Cdu): tour di Renzi in treno ma nessuna tappa calabrese

Alcune riflessioni 

Più informazioni su


    Dopo la bicicletta e il pulman, ora è la volta del treno quale mezzo di trasporto per i tour elettorali. Lo ha scelto il Segretario Nazionale del PD Matteo Renzi, secondo quanto riportato in una nota edita da Il Fatto Quotidiano.it del 29 agosto u.s .(http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/08/29/pd-renzi-sale-sul-treno-per-combattere-i-populismi-tour-di-10-settimane-dal-25-settembre-con-lui-ministri-e-dirigenti/3824886/). Tra le tappe del tour non compare nessuna mèta calabrese e, per quanto stando alla nota, il tour dovrebbe partire il 25 settembre prossimo (non è detto da dove), verrebbe da pensare che il percorso è ancora da definire o solo da articolare, certo è detto che “toccherà per quasi dieci settimane, tutte le province italiane in un viaggio capillare nel nostro meraviglioso Paese”. Sempre nel virgolettato, viene precisato che “non è né “campagna elettorale, né un tour fatto di discorsi e comizi, ma più semplicemente un incontro con le realtà vive dell’Italia”. Altro dato certo che si evince è che col Segretario Nazionale viaggeranno i Millennial, ( i nati cioè dal 1979 al 2000, generazione del nuovo millennio altrimenti denominati Echo Boomer o Generazione Y) e, ma solo occasionalmente, Ministri e Dirigenti del partito. Come dire “io viaggio e mi diverto con la genuinità dei ragazzi, voi solo all’occorrenza!”, anche se pare, volendo sempre interpretare, che sia solo perché impegnati con l’approvazione della legge di stabilità in Parlamento, quindi non si possono disturbare troppo. Sarà così? Mah…aspetteremo di vedere quali, dove e quando la presenza sarà resa necessaria per capirne di più. Stando alla notizia, e volendo sorvolare sui contenuti e le finalità del tour, viene spontaneo chiedersi: come arriverà in Calabria? Ha avvisato il Governatore Oliverio e il suo segretario regionale Magorno? E se lo ha fatto, questi gli hanno comunicato che in Calabria i treni sono indisponibili , che ricoprono solo alcune tratte? Lo hanno informato che per arrivare da Lamezia Terme a Catanzaro, città capoluogo di Regione, ci s’impiega mediamente 52 minuti? che da Corigliano Calabro a Cosenza mediamente 1h e50’; che da Lamezia Terme a Reggio Calabria mediamente altrettanto e che la stessa tratta è percorsa solo nelle ore pomeridiane da solo tre “frecce” (usando un eufemismo, chiaramente!) in 1h e 15’? Certo occorrerà un tavolo tecnico ad hoc con i vertici di Trenitalia se il Segretario Nazionale del PD Matteo Renzi vorrà davvero venire in Calabria in treno, quantomeno per concordare il servizio su gomma alternativo, tanto in uso ormai in Calabria dove regnano solo stazioni ferroviarie abbandonate ovunque, dove i trasporti in generale fanno abbandonare l’idea di “servizio pubblico”, e dove, soprattutto, quel poco rimasto altro non è che il riciclo, vecchio e puzzolente, di servizi pagati a peso d’oro in altri posti d’Italia o a privati del posto, entro le vecchie logiche clientelari radicate e consolidate da chi, pur agendo in nome del Popolo che lo ha eletto, non va oltre …lo sportello di un’auto blu, con tanto di autista, a spese dei calabresi! Segretario Renzi, a me personalmente lei non mi è antipatico anzi, non la conosco nemmeno di persona, ma se decide di venire anche in Calabria, s’informi meglio e riservi alla sua persona, ai suoi dirigenti e ai suoi rappresentanti di Governo, nazionali e locali, una lunga e seria riflessione, e se Cristo si è fermato ad Eboli, lei si fermi al massimo a S. Giovanni in Fiore o a Diamante….se riesce a trovare un treno per arrivarci!!!

    Dott.ssa Maria MARINO Consigliera Nazionale Nuovo CDU

    Più informazioni su