D’Ippolito sposa la “linea Gratteri” su Strada delineando una triade commissariale e 4 priorità per la sanità regionale

Si chiede un esperto alla guida e due sub commissari già presenti sul territorio

Più informazioni su

    Mentre il dibattito anche all’interno del Movimento 5 Stelle è vivo, sposa la “linea Gratteri” anche il deputato lametino Giuseppe D’Ippolito.

    Anche per il pentastellato «con Emergency Strada verrà a dare un aiuto importante per curare i malati di Covid. Ne sono felice, perché in guerra si combatte con i mezzi disponibili e non c’è tempo né spazio per la teoria. Però l’amara verità è che in Calabria mancano gli strumenti principali, al punto da dover coinvolgere un’Ong prestigiosa e operosa perché qui siamo, fa male ammetterlo, piuttosto «‘mbrazza a Maria». A riguardo si può discutere di chi sia la colpa, su chi debba pagare errori politici e amministrativi evidenti, innegabili, pesanti».

    E quindi D’Ippolito sostiene che «ora il Governo dovrà trovare una figura credibile come commissario, un esperto motivato, deciso, capace e tenace. Auspico che sia preferibilmente un calabrese e che nel suo ufficio abbia due sub-commissari che abbiano lavorato nella sanità della Calabria e che, come tutti noi, nella nostra terra vivano ogni giorno, perciò conoscendone le caratteristiche, le carenze e le potenzialità, i pantani e i giardini, la melma e la resilienza, i nemici e gli amici, i complici e gli avversari di quel sistema che ha rubato le risorse pubbliche, impoverito il sistema sanitario e mandato l’economia in rianimazione».

    Si guarda poi anche all’immediato futuro: «con la nomina della nuova struttura commissariale, spero rapida, le cose da fare nell’immediato sono 4: al fine di assicurare il personale necessario, sospendere i vincoli assunzionali del Piano di rientro per l’intera durata della pandemia, per cui con alcuni colleghi M5S ho già presentato uno specifico emendamento al decreto Calabria bis appena varato; ricostruire da capo l’assistenza territoriale; valorizzare i piccoli ospedali esistenti o dismessi perché forniscano risposte di prossimità; concordare con i sindaci, che hanno un ruolo fondamentale, un piano di rilancio della sanità calabrese e di utilizzo mirato delle risorse europee, nonché alimentare la battaglia decisiva per ripartire il Fondo sanitario sulla base dei dati epidemiologici nelle singole Regioni, che in Calabria sono drammatici».

    Più informazioni su