Quantcast

Pineta di Siano, l’Associazione Sud Democratici contro la “posizione neutra” del sindaco

Sotto i riflettori la nota dei consiglieri comunali Lorenzo Costa e Fabio Talarico

Più informazioni su

    “Non sappiamo come definire la interrogazione concernete alcuni aspetti della vicenda incendio a Siano, che nei giorni scorsi i consiglieri comunali Lorenzo Costa e Fabio Talarico, della maggioranza di Centro-Destra, hanno inoltrato al Sindaco di Catanzaro; con la quale chiedono ad Abramo di essere, fra altro, informati: “…i cittadini, i consiglieri e lo stesso sindaco hanno il diritto di conoscere quali azioni sono state intraprese dagli enti per scongiurare un’eventualità che, purtroppo, si è dimostrata reale ed esiziale realtà”. Richiamiamo l’attenzione che fra gli enti competenti, “obbligati” ad informare del loro operato in merito all’attività di prevenzione e d’intervento per ridurre il devastante incendio che ha colpito la Pineta, giustamente definita tragedia, vi è per primo il Comune di Catanzaro: il sindaco è la massima autorità a tutela dei cittadini e del patrimonio comunale”. E’ quanto si legge in una nota a firma dell’ Associazione Sud Democratici.

    “Certo, per come scrivono Costa e Talarico, che il sindaco Abramo ha il diritto di conoscere quanto è stato posto in essere da ogni altro ente per scongiurare e/o fronteggiare meglio l’incendio, ma riteniamo che Abramo, innanzitutto, debba informare, e per primo, su quanto egli e la sua amministrazione comunale hanno concretamente fatto per tutelare il polmone verde della città. L’interrogazione dei due consiglieri – si legge nella nota –  collocano il sindaco, invece, in una posizione “neutra rispetto ai fatti”. L’Amministrazione Comunale di Catanzaro, forse o soprattutto per negligenze, ritardi e non ottemperanze da parte di altri, ha subito la tragedia. Ma questa eventuale circostanza dovrà essere rapidamente dimostrata, chiarita per individuare, se ci sono, precise responsabilità. Ma dal Sindaco attendiamo ancora delle risposte alla nostra “interrogazione” del 13 agosto, con la quale chiediamo di informare la cittadinanza su quanto in questi anni e soprattutto dall’inizio dell’estate 2021, il Comune ha concretamente svolto, ad esempio attraverso l’attività del COC. Ma chiediamo anche di sapere se l’Amministrazione Comunale aveva affidato a terzi specifiche attività di tutela dagli incendi del territorio di Catanzaro ed in particolare della Pineta e dell’intera area de Li Comuni. Chiediamo ancora di sapere, se vi è stato tale affidamento, quali controlli sono stati svolti periodicamente dal Comune per verificare il corretto rispetto di quanto convenuto”.

    “Il sindaco – conclude la nota – ha il dovere di essere chiaro, non generico, nella dovuta informazione che, riteniamo, dovrà fornire. È giusto che oggi si proceda ad avviare il “ripristino” della Pineta (impegno difficile che comporterà tantissimi anni), ma quanto di doveroso si farà per ridare totalmente il polmone verde alla città, non dovrà essere, ora, un diversivo per esentare il sindaco dall’informazione, puntuale, che deve ai cittadini”.

     

    Più informazioni su