Quantcast

Le voci della campagna elettorale

Più informazioni su

    Parente (FI): “Difendere mare pulito per salto di qualità nel turismo”

    “Quello che è successo questa estate nei tratti di mare di Catanzaro Lido, Soverato, Roccelletta, Gizzeria, Ricadi, Briatico, Isola Capo Rizzuto – dove si sono registrati preoccupanti fenomeni di inquinamento – non deve più accadere. Condivido in pieno la proposta del presidente Roberto Occhiuto di istituire una sorta di task force anti-inquinamento del mare che, con l’utilizzo delle più sofisticate tecnologie, possa combattere un fenomeno che distrugge il turismo balneare che dovrebbe essere il punto di forza della Calabria. Occhiuto propone di utilizzare i droni con termoscanner per individuare gli scarichi abusivi che provocano le inaccettabili macchie di sporco nei tratti di mare. Ma condivido ancora di più l’idea di centralizzare, attraverso un’unica regia, il sistema della depurazione, visto che molti Comuni hanno fallito oppure sono stati inefficienti e distratti.

    Il mare pulito sarà uno degli obiettivi più urgenti. Solo se garantiremo la trasparenza delle nostre acque, le nostre più famose spiagge- che non hanno nulla da invidiare alla Sardegna, alla Sicilia e alla Puglia- potranno essere meta di migliaia di turisti e generare ricchezza e occupazione per i nostri giovani, a cui riservare attività formative nel campo dell’accoglienza e della gestione dei servizi legati al turismo, constatate le lamentele che annualmente si registrano. Questo settore, pertanto, merita personale professionalmente preparato per valorizzare le inestimabili bellezze che sono la risorsa principale per il rilancio della nostra Regione”.
    a nel prossimo governo regionale”

    Quagliarello (CI): «Programma riforme tarato su Recovery. Domani conferenza stampa Abramo

    “Abbiamo progettato la crescita della Calabria in funzione delle ‘missioni’ del Recovery, la più grande sfida che il Mezzogiorno d’Italia si trova di fronte e che equivale a una sorta di ultima chiamata di fronte alla quale bisogna farsi trovare pronti”.
    E’ il messaggio lanciato dal senatore Gaetano Quagliariello, vicepresidente nazionale di ‘Coraggio Italia’, nel corso della due giorni calabrese che lo ha visto impegnato fra Lamezia Terme, Cosenza e Reggio Calabria per presentare i candidati del partito fondato da Luigi Brugnaro e Giovanni Toti che correrà con le proprie insegne a sostegno di Roberto Occhiuto.

    “La nostra proposta programmatica – ha affermato Quagliariello – è indirizzata innanzitutto alla sanità legata alla riorganizzazione dei servizi sociali; alle infrastrutture viarie e ferroviarie anche al servizio della istituita Zona economica speciale, la ‘dorsale’ dello sviluppo che implementerà la ‘produzione’ della portualità commerciale e turistica; alle politiche attive del lavoro per l’occupazione in particolare giovanile e femminile nonché all’incremento dell’offerta formativa da realizzare con l’apertura di nuovi Istituti Tecnici Superiori (Its), alla scuola che prepara l’accesso al lavoro; alla creazione di distretti industriali, artigianali, agroalimentari e di un distretto del Turismo e della Cultura; al rafforzamento della sostenibilità in agricoltura così come vuole la recente riforma Pac, ovvero all’innovazione anche tecnologica e all’energia da fonti rinnovabili promuovendo una rete di ‘comunità energetiche’ tra i produttori agricoli.
    Tutta la progettualità degli investimenti – ha sottollineato il vicepresidente di ‘Coraggio Italia’ – sarà accompagnata, secondo la nostra proposta programmatica, da riforme che riguardano anche la governance regionale, nell’ambito della quale proporremo un’attenzione specifica al tema della transizione ecologia e alla digitalizzazione per ‘governare’ il territorio nella sua specificità idrogeologica, nel ciclo integrato dei rifiuti, nel sistema della depurazione, della rete idrica, della trasformazione digitale secondo un processo di innovazione che dovrà riguardare essenzialmente la pubblica amministrazione”.

    Per la realizzazione di questo programma ambizioso, in accordo con il candidato presidente Roberto Occhiuto, ‘Coraggio Italia’ mette a disposizione tutte le proprie energie, “ben esemplificate – spiega Quagliariello – da liste con poco più di quarant’anni come età media e con una parità di genere reale e non dettata da obblighi burocratici.
    Su ognuno dei temi citati, nel corso di appositi momenti di approfondimento, presenteremo proposte precise.
    Vogliamo contribuire – ha concluso – a portare il vero cambiamento per questa terra nel prossimo governo regionale”. Intanto domani Coraggio Italia ha convovato una conferenza del sindaco di Catanzaro Sergio Abramo e del presidente di ‘Coraggio Italia’ Luigi Brugnaro.

    Appuntamento alle ore 11.30, al municipio di Catanzaro, Palazzo De Nobili.

    Antonio Rocca (candidato Psi): soddisfazione per Catanzaro città dello Sport

    «Dopo mesi di lavoro e impegno personale testimoniato dal ringraziamento pubblico reso dal Presidente ACES ITALIA, Vincenzo Lupattelli, sono lieto di apprendere della candidatura di Catanzaro a Città Europea dello Sport 2023. Un primo passo verso la crescita del movimento sportivo catanzarese e dell’indotto economico e sociale che tale settore può attivare».
    Così l’avv. Antonio Rocca, candidato alle prossime elezioni regionali Calabria del 3 e 4 ottobre con il PSI, ha commentato la notizia resa pubblica in giornata che ha coinvolto anche la città di Rende.
    «Da uomo di sport ho deciso di mettere a disposizione del Comune di Catanzaro la mia competenza come professionista e la mia esperienza come sportivo senza alcuna pretesa, ma con l’esclusivo intento di realizzare il progetto di Catanzaro città europea della sport. In questo percorso è doveroso un ringraziamento anche alla Sen. Silvia Vono, una donna caparbia e coraggiosa al servizio della propria terra con serietà, competenza e determinazione».

    «L’attività sportiva – ha proseguito Rocca – può e deve recitare un ruolo attivo in Calabria, contribuendo non solo alla salute dei nostri conterranei, ma alla creazione di un indotto sociale ed economico sul quale costruire un nuovo modello di economia sostenibile».
    Dall’esperienza personale e professionale sul territorio calabrese, spunti importanti per il futuro di una Calabria a misura di sport. «Opero nel settore giuridico-sportivo da quasi un decennio e mi rendo conto dell’immenso lavoro da fare in Calabria tanto a livello di impiantistica quanto a livello di formazione. Oggi bisogna avere il coraggio di riconoscere che lo sport viene sempre lasciato all’angolo ed esaltato solo durante le grandi vittorie.

    Ci si sofferma esclusivamente sui risultati, ignorando il fatto che gli stessi arrivino solo a seguito di un lavoro quotidiano fatto di ascolto e sostegno di atleti, associazioni e società sportive e, ancora, delle massime istituzioni sportive calabresi. Sono loro il vero motore dello sport, i principali protagonisti di un movimento che in Calabria meriterebbe maggiore rispetto e attenzione, ma soprattutto interlocutori capaci e competenti con i quali confrontarsi e programmare lo sviluppo dello sport nella regione».

    È proprio a loro che il candidato del PSI si rivolge in vista della prossima competizione elettorale. «Ancor prima della nomina a Coordinatore della Commissione di diritto sportivo istituita presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro – ha concluso Rocca – mi sono impegnato ad organizzare eventi informativi e formativi per il territorio, parlando di sport e di diritto sportivo, provando a creare un collante con il movimento. Questo sarà il mio impegno per il futuro: interagire attivamente con il CONI ed il CIP e le rispettive Federazioni, Discipline Sportive Associate, Enti di Promozione Sportiva ed Associazioni benemerite, con le quali predisporre un giusto programma per far decollare in maniera definitiva lo sport in Calabria! »

    Massimo Misiti – Coordinatore Campagna Elettorale Regionali 2021 – Movimento 5 Stelle

    “Il prossimo 3 e 4 ottobre i calabresi saranno chiamati ad 𝗲𝗹𝗲𝗴𝗴𝗲𝗿𝗲 𝗶𝗹 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗼 𝗴𝗼𝘃𝗲𝗿𝗻𝗼 𝗿𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲. È una sfida appassionante che vede tutti gli aspiranti governatori alle prese con dibattiti e incontri. All’osservatore attento appare evidente come le coalizioni abbiano messo in campo nuove leve e vecchi nomi della politica.
    Ma una riflessione, che condivido, è legata alla presenza della Lega in Calabria. Una Lega che mostra ben due facce, e non è chiaro se facciano parte di una stessa medaglia.
    Avremo una Lega improntata e caratterizzata dall’operatività dove a far da traino ci saranno le politiche del lavoro, delle tutele e del rilancio, come mostra il presidente del Veneto? ,O resterà ferma sui trasformismi locali che hanno come punto saldo quello di promuovere ambizioni personali locali e spartizione di poltrone, come ampiamente dimostrato da chi ha gestito la regione fino ad oggi dichiarando, prima a se stesso e poi ai suoi vicini di pensiero, di essere il migliore in assoluto? E la coalizione di cui fa parte la Lega subirà in silenzio la politica affaristica e poco trasparente fino a qui evidenziata?

    Si continuerà nel becero clientelismo che vedrà alla fine tutti abbarbicati ad uno scranno o ci sarà spazio per parlare di produzione e gestione delle risorse in modo costruttivo.
    Il Movimento 5 Stelle opera in direzione del cambiamento, della trasparenza, di quella politica a servizio del territorio che metta al centro le esigenze di una Calabria da troppo tempo abbandonata a sé stessa e che ha perso fin troppe occasioni. 𝗘̀ 𝗶𝗹 𝗺𝗼𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗱𝗶𝗺𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮𝗿𝗲 𝗹’𝗮𝗺𝗼𝗿𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗮 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗮 𝘁𝗲𝗿𝗿𝗮 per la propria terra e sentirsene parte integrante, e laddove i sondaggi parlano di una disaffezione alla politica e di una indecisione crescente sul recarsi alle urne o meno è necessario invertire la tendenza.

    Il 3 e 4 ottobre rappresentano 𝘂𝗻’𝗼𝗰𝗰𝗮𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘂𝗻𝗶𝗰𝗮 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗮 𝗖𝗮𝗹𝗮𝗯𝗿𝗶𝗮 𝗰𝗵𝗲 𝗱𝗼𝘃𝗿𝗮̀ 𝗮𝗹𝘇𝗮𝗿𝗲 𝗹𝗮 𝘃𝗼𝗰𝗲 𝗲 𝗹𝗮 𝘁𝗲𝘀𝘁𝗮, riabilitarsi non solo agli occhi dell’Italia intera in termini di credibilità e concretezza, ma nei confronti del calabrese stesso che soffre i beceri attacchi di chi propone solo slogan . Un appuntamento a cui nessuno deve mancare per decidere il nuovo corso della storia per questa terra meravigliosa”.

     

    Più informazioni su