Quantcast

Elezioni regionali, la voce dei candidati

Gli interventi degli aspiranti inquilini di Palazzo Campanella

Più informazioni su

    Misiti, deputato M5S: “La Sanità calabrese si può migliorare, basta volerlo”

    “Faranno pensare e molto, mi auguro, i dati che verranno pubblicati e di cui è stato riferito al congresso della Società italiana di chirurgia. Nel 2020, in Italia, ci sono stati 1,3milioni di ricoveri in meno e 400mila interventi in meno rispetto al 2019. E dalla Calabria risultano che siano partiti 22.739 pazienti rispetto ai 52.039 del 2019. Questa migrazione sanitaria ha favorito nel 2019 la Lombardia con un importo di 49,2 milioni di euro rispetto ai 20,2 milioni del 2020. La verità è che, per la paura di essere contagiati dal Covid, in molti hanno pensato di non ricoverarsi, non sono diminuite le patologie né tantomeno i casi che necessitavano e necessitano di essere trattati. In Calabria, e non da ora, il miglioramento del sistema sanitario, dalle strutture al personale, con tutto quello che ne consegue, non è stato mai completato. A Roma si promulgano le leggi per migliorare la sanità e sbloccare le difficoltà, ma nei palazzi di Catanzaro si procede con improvvise deliberazioni, come la n°2 del 13 gennaio del 2021 che di fatto blocca il percorso assunzionale di chi avrebbe dovuto dare una mano per il miglioramento della nostra sanità. Qualcuno gioca sulla pelle dei cittadini e molti si interessano di sanità soltanto ululando alla luna. Il piano operativo regionale ha numerose criticità, e la riunione di verifica del 22 luglio 2021 le ha evidenziate. La burocrazia e la gestione del sistema sanità non si può lasciare in mano a chi ha fallito il cambiamento. Si può avere e lo si deve pretendere. Il movimento 5 stelle c’è!

    “Sì, voto”

    Un momento di dibattito dedicato al diritto/dovere del voto in vista delle prossime elezioni regionali del 3 e 4 ottobre. E’ l’iniziativa dal titolo “Sì, voto” prevista per domani, martedì 28 settembre, alle ore 9.30 in Piazza Matteotti a Catanzaro, organizzata dalla scuola di cultura politica “Futura Calabria”. Un incontro pubblico per sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza ed il significato del voto libero e democratico. Parteciperanno il direttore di “Futura Calabria”, Pasquale Barbieri, il docente universitario Domenico Bilotti, l’esperta in P.A. e mediatrice culturale Francesca D’Ambra. Al dibattito – introdotto da Valentina Vono e moderato da Domenico Gareri – interverranno, inoltre, i senatori Riccardo Nencini e Silvia Vono. L’incontro potrà essere seguito anche in streaming sulla pagina facebook Catanzaro Village.

    Amalia Bruni

    “Ve lo ricordate quando Salvini attaccandosi ai citofoni di private abitazioni chiedeva “Scusi lei spaccia”? Oggi apprendiamo che il capo della sua comunicazione, Luca Morisi, è stato indagato per detenzione e spaccio di droga, lo stesso reato per il quale tutta la Lega, a cominciare dal suo leader si sono scagliati con una veemenza tipica di chi lancia la pietra e nasconde la mano”. Amalia Bruni, candidata del Centrosinistra alla guida della regione commenta così la notizia del coinvolgimento di Luca Morisi,il guru della comunicazione del segretario del Carroccio, in un’inchiesta per spaccio di droga. “Il falso moralismo di chi governa ci deve allarmare e i cittadini calabresi devono sapere in che mani si vogliono mettere. Vogliamo davvero lasciare la nostra terra nelle mani di questi signori che professano dei principi e praticano esattamente il contrario? Il tre e quattro ottobre abbiamo la possibilità di cambiare.
    “Basta con chi guadagnando una barca di soldi, grazie a consistenti indennità e stipendi, ha contribuito ad affossare la Calabria. Nella nuova Regione non c’è posto per Spirli, che ha responsabilità morali e materiali, per Occhiuto e per tutti quelli che non hanno fatto niente per migliorare la situazione”. Lo afferma, in un’altra dichiarazione sempre Amalia Bruni, candidata per il Centrosinistra alla guida della Regione, “che annuncia la sua volontà – é detto in un comunicato diffuso dal suo ufficio stampa – di rimettere le cose a posto se dovesse essere eletta alla presidenza della Regione”.

    “Nessuna ‘lista nera’ – afferma la candidata – ma privilegeremo competenze, professionalità e attenzione alle esigenze dei cittadini. A tutti gli altri troveremo compiti adeguati, ma basta con le lungaggini burocratiche infinite mentre si continua a percepire lo stipendio a fine mese. Deve cambiare la musica. La Regione dovrà essere al servizio dei cittadini, per i quali bisognerà avere rispetto e grande considerazione. È un mio impegno preciso. Metteremo in campo forze nuove e competenti. Il 3 e il 4 ottobre togliamo la Regione dalle mani di Spirlì e Occhiuto e costruiamo insieme la ‘Nuova Calabria’”.

    De Magistris: amarezza per incidente Rossano e per situazione complessiva sanità

    Leggo con sgomento del tragico incidente avvenuto a Rossano, in cui ha perso la vita una donna soccorsa da un’ambulanza non medicalizzata. Le sue condizioni, già gravissime all’arrivo del 118 – privo di medico a bordo! –  sono poi peggiorate e la donna ha perso la vita mentre dall’Annunziata arrivava l’elisoccorso. Provo rabbia e amarezza per questa vita spezzata e mi chiedo quante sono state e saranno ancora le vittime della devastazione totale del diritto alla salute, in Calabria. Provo tanta rabbia, soprattutto perché, mentre la donna moriva a causa dell’assenza di un medico, vi è una politica complice della chiusura dei 18 ospedali e della conseguente negazione della sanità in queste terre. Non credete più a chi si è mangiato tutto e a chi parla di rimettere in piedi quello che ha contribuito a demolire, pezzo per pezzo, mentre per anni i calabresi hanno protestato e si sono ribellati, inascoltati. La politica regionale calabrese e la politica di chi ha voluto commissari senza risolvere nulla (tanto di centro destra quanto di centro sinistra) è responsabile di questa tragedia che colpisce il diritto più importante, quello alla vita. Lo afferma Luigi de Magistris, candidato alla presidenza della Regione Calabria.

    Conforto (Fdi): riorganizzare centri per l’impiego

    Giorno 27 Settembre 2021 il Candidato al Consiglio Regionale nelle fila di Fratelli d’Italia circoscrizione Calabria – Centro, Maurizio Conforto, a margine di una conferenza stampa organizzata a tutela della filiera agro-alimentare attiva sul nostro territorio ed in grave difficoltà economica a seguito del Covid-19, ha dichiarato: “Nel corso di diversi incontri, sto constatando che le aziende, specie quelle agricole con la campagna olearia alle porte, hanno grande difficoltà a reperire manodopera, tutto questo comporta una miriade di problemi che vanno dall’organizzazione generale della produzione alla qualità del prodotto. A tal proposito invito i vertici di Fratelli d’Italia ad attivarsi immanente e con ogni mezzo al fine di far intervenire il governo centrale per la sollecita riorganizzazione dei centri per l’impiego della nostra Regione, mettendo in atto una procedura che consenta di avere giornalmente domanda e offerta di lavoro. Il lavoro è dignità restituiamola a chi l’ha persa.”
    Parole importanti, che aprono una discussione decisa nei confronti di un problema del quale la politica pare essersi dimenticata o disinteressata a fronte di altre discussioni, sicuramente più propagandistiche, ma nei fatti lontane dai bisogni della gente comune.
    Maurizio Conforto, in continuo confronto ed incontro con le fasce produttive del nostro territorio, ha, sin dallo scorso anno, intercettato e lottato per le necessità di una categoria, quella imprenditoriale ed agricola, che necessita di ascolto, particolarmente nel bel mezzo di una crisi economica e durante una campagna elettorale che dovrebbe vedere gli interessi dei Calabresi messi al primo posto.

    Più informazioni su