Quantcast

Aeroporti, Filt Cgil: “Intervenga Occhiuto”

Per il sindacato "La Sacal ha di fatto abbandonato la prospettiva di crescita di tutti e tre gli aeroporti della Calabria"

Più informazioni su

    “Dopo l’allarme lanciato dalla Filt-Cgil Calabria e dal gruppo consiliare Democratici e Progressisti del Comune di Reggio Calabria sulla grave situazione in cui si sono venuti a trovare i 35 lavoratori Alitalia non ricollocati in ITA e gli ex lavoratori Sogas non ancora reintegrati, abbiamo provveduto ad avanzare formale richiesta di convocazione di incontro al presidente della Giunta regionale Roberto Occhiuto“. E’ quanto si legge in una nota della segreteria regionale Filt-Cgil Calabria.

    “La situazione del sistema aeroportuale calabrese e in modo particolare dello scalo reggino – prosegue la nota – è grave e preoccupante. La Sacal ha di fatto abbandonato la prospettiva di crescita di tutti e tre gli aeroporti della Calabria, sta diminuendo drasticamente i diritti delle persone che lavorano, ha già cominciato a esternalizzare pezzi importanti di servizi aeroportuali: si prepara a completare l’opera con una sciagurata iniziativa di privatizzazione. Lo scalo di Reggio sta diventando l’anello più debole di questa catena. Non è più tempo di vuote dichiarazioni e di cahier de doléances. Chiediamo alla Città Metropolitana, al Sindaco, alla maggioranza ed alla minoranza di fare tutti assieme la loro parte chiedendo anche dal loro versante un incontro istituzionale al Presidente della Giunta Regionale per ribadire che la Sacal anche con l’ingresso nella compagine sociale della Città Metropolitana, rafforzi la presenza a Reggio, garantisca occupazione e modernizzi i servizi. Tutti facciano fronte comune per salvare lo scalo reggino”.

    Più informazioni su