Quantcast

Salvini a Catanzaro: “Entro Natale nome del candidato alle elezioni comunali”

Il leader della Lega conferma Mancuso alla presidenza del Consiglio regionale e non commenta il commissariamento del partito. Oggi la direzione a Reggio

Più informazioni su

    Alla fine niente conferenza stampa per Matteo Salvini, leader della Lega, a Catanzaro, nella sede regionale di partito, che ha solo parlato con la stampa a margine prima e dopo l’incontro con gli assessori regionali ma anche con l’uscente presidente regionale facente funzione Nino Spirlì che avrà un ruolo nazionale.

    Salvini a Catanzaro

    “Una bella squadra – ha detto Salvini parlando della Giunta regionale di Occhiuto – tante belle professioni, da presidi scolastici (Giudy Princi, ndr), a imprenditori, professionisti. La partita dell’assessorato alla famiglia, alle disabilità, in collegamento con quello nostro nazionale. Molto bene. Abbiamo parlato di turismo, di spiagge, di porti, di Gioia Tauro, di aeroporti, di infrastrutture. Sentirò il presidente Occhiuto sul tema della Sanità perché la Lega si era impegnata a riportare la Sanità in Calabria e ora occorrono donne e uomini all’altezza con dirigenti all’altezza”.

    Rispetto a due anni fa quando la lega si affacciava per la prima volta ora siamo radicati e abbiamo le idee chiare.
    Quanto alla presidenza del Consiglio ribadisce: “Penso che Filippo Mancuso sia una garanzia per tutti“.
    Oggi pomeriggio a Reggio Calabria la riunione con la dirigenza: “Stamattina abbiamo parlato di istituzioni, di Regione e di quello che si fa da lunedì prossimo”. Non risponde alla domanda sulla permanenza del Commissario della Lega. “Oggi pomeriggio ci occuperemo di partito. Noi vogliamo essere sempre più ramificati. I sessantamila calabresi che ci hanno votato ci permettono di crescere e di arrivare dove non eravamo. In qualche caso cambieremo uomini e donne. Ci sono nuovi ingressi”.
    Elezione a Catanzaro: “Entro Natale il nome del prossimo sindaco da parte degli alleati. Un nome che unisca tutti, se così non fosse, primarie come nelle altre città”.

    Più informazioni su