Quantcast

Regionali, presentato il ricorso contro Valeria Fedele ancora direttore generale della Provincia

Il primo dei non eletti aveva già presentato istanza contro Michele Comito

Più informazioni su

    Dopo il ricorso contro l’elezione di Michele Comito a consigliere regionale arriva quello contro Valeria Fedele, sempre esponente di Forza Italia. La firma dell’atto è sempre dei legali Luisa Torchia, Anselmo Torchia e Jole Le Pera a tutela di Antonello Talerico in qualità di candidato e primo dei non eletti alle elezioni regionali. Con questo atto viene chiesto al tribunale di accertare la sussistenza in capo alla consigliera eletta della condizione di ineleggibilità; di dichiarare la decadenza di Valeria Fedele dalla carica di consigliere regionale; di ordinare e disporre “la surroga/sostituzione al candidato illegittimamente proclamato eletto, Valeria Fedele, del candidato Antonello Talerico, avente diritto alla proclamazione quale eletto alle elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale della Regione Calabria del 3 e 4 ottobre 2021 nella Lista “Forza Italia” per la circoscrizione di centro”.

    Secondo quanto si evince dal ricorso Valeria Fedele, a tutt’oggi, mantiene il ruolo di direttore generale della Provincia di Catanzaro (motivo per il quale è stato presentato ricorso) e di consigliere regionale, con ciò percependo la doppia indennità. Ma stando al ricorrente in quanto direttore generale dell’Ente intermedio, l’azzurra era ineleggibile. Il perché, secondo i legali di Talerico, sono contenuti nell’atto di cui proponiamo alcuni stralci: “La norma sulla ineleggibilità di cui all’art. 2, comma 1, n. 5) della L. n. 154/1981, – si legge nell’atto – fa riferimento proprio ai poteri di controllo sulle funzioni amministrative (e non già sull’Ente) della Regione, della Provincia e del Comune”.

    Ed ancora si legge: “Nel caso di specie, non v’è dubbio che il titolare di un organo che esercita una funzione di controllo istituzionale sull’amministrazione di un Ente locale (Provincia o Comune), possa comunque influenzare il voto quanto meno su quella dimensione territoriale su cui esercita il controllo, andando ad alterare l’equilibrio tra i vari candidati.  Alla luce di quanto esposto si può senz’altro concludere per l’ineleggibilità della consigliera Regionale Valeria Fedele, in quanto nella sue veste di  Direttore Generale della Provincia di Catanzaro, avrebbe dovuto cessare le proprie funzioni nei termini di Legge, come espressamente previsto dall’art. 2, commi 2 e 6, L. 154/1981, contrariamente continuando, invero, a rimanere in carica fino a tutt’oggi”.

    Stando ad indiscrezioni sembrerebbe, inoltre, che nei prossimi giorni verrà depositato presso la Procura della Repubblica un esposto avente ad oggetto alcuni profili affrontati nei due ricorsi contro Comito e Fedele.

     

    Più informazioni su