Quantcast

Giuseppe Pisano: il mio commiato al consiglio provicnalei

"La Provincia è un patrimonio della regione e va curato nella sua interezza. Alla politica auguro di indicare nel prossimo Consiglio le persone giuste e capaci"

Più informazioni su

    Arriva al termine questa mia consiliatura in Provincia – scrive Giuseppe Pisano – consapevole che in questi ultimi 3 anni ho sempre cercato di tutelare gli interessi di una provincia storica come quella di Catanzaro, vittima di una legge elettorale che ne ha fortemente ridimensionato non solo il contatto con il cittadino, ma che ha anche messo in risalto, oltremodo, la distanza tra il Consiglio e il territorio.

    La nostra Provincia, tra le più antiche del Mezzogiorno, vive una fase di transizione e una fase economica precaria che non può esimere dalle proprie responsabilità la vecchia politica e i suoi registi. Che saranno, questi ultimi, magari anche osannati dalle platee, applauditi per i loro discorsi roboanti, ma pure tanto poco attenti alle dinamiche di finanza pubblica. La nostra Provincia ha grande ricchezza tra storia e cultura, dalle montagne al mare. I suoi antichi borghi sono la sua essenza. Tra i due mari si collocano il futuro e il progresso del suo popolo e di quella area centrale che, attraverso le sue imprese, contribuisce largamente al Pil calabrese. Le elezioni di sabato sembreranno, ai più, un passaggio amministrativo per gli addetti ai lavori; nelle quali per essere eletti bisogna appartenere per forza a gruppi politici in cui, naturalmente, i leader decidono chi deve sedere sui banchi del Consiglio; in cui, ancora, nasce un’alleanza naturale tra la politica istituzionale che determina ruoli e geografie.

    Auguro ai prossimi consiglieri un buon lavoro. Ma soprattutto lo auguro al mio Presidente, che mai si è sottratto alla fatica, al dibattito e al confronto. Fra qualche mese si sceglierà anche il nuovo presidente: il mio auspicio è che sia un sindaco “contadino”, cioè che possieda tempo e visione politica.

    Un saluto doveroso ai colleghi di opposizione che mai come in questa consiliatura sono stati l’essenza della democrazia. Un saluto, ovviamente, anche ai miei colleghi di maggioranza che, animati dallo spirito della condivisione, non si sono sottratti al dibattito e al lavoro. Una maggioranza che ha visto tra i suoi consiglieri Mancuso e Montuoro, ora big della politica regionale. Ma il saluto più sincero va ai dipendenti che sono la forza dell’ente provinciale. Alle organizzazioni sindacali che mai hanno rinunciato alla concertazione. Ai dirigenti tutti che, con senso di responsabilità, hanno preso oneri e onori nel condurre l’amministrazione in un porto sicuro. La Provincia è un patrimonio della regione e va curato nella sua interezza.

    Il pensiero, infine, va anche alla memoria di Pino Canino e Franco Zampa. A citare tutti non finirei mai. Sicuramente nei giorni a venire mi mancheranno tutti indistintamente. Con l’augurio che questo Natale e il rinnovo del Consiglio provinciale possano dare loro le risposte giuste a salvaguardia del proprio futuro e delle loro famiglie.

    Alla politica auguro di indicare nel prossimo Consiglio le persone giuste e capaci che sappiano risolvere i problemi dei territori e dell’amministrazione. Nel mio piccolo contribuirò anch’io con il mio voto libero e politico attraverso il quale vorrò premiare una collega come Elisabetta Ferraina, che si è sempre distinta nel suo operato da consigliera comunale di Girifalco”.

     

    Più informazioni su