Quantcast

Botricello presenta la candidatura ai Cis, Contratti istituzionali di sviluppo

Investimenti previsti tesi a valorizzare l'ambiente, le risorse naturali e la riqualificazione urbana, la cultura e le minoranze etnico linguistiche, il turismo, l'enogastronomia e il trasporto

Più informazioni su

    Il comune di Botricello ha presentato la propria candidatura ai Contratti istituzionali di sviluppo (Cis) Calabria, trasmettendo alla Regione Calabria tre schede Format per un’importo complessivo di 9.600.000 euro.

    I Cis consentiranno ai comuni destinatari dell’intervento, la realizzazione di progetti che prevedono investimenti per infrastrutture strategiche tese a valorizzare l’ambiente, le risorse naturali e la riqualificazione urbana, la cultura e le minoranze etnico linguistiche, il turismo, l’enogastronomia e il trasporto e la mobilità sostenibile.

    Una richiesta di finanziamento interessa la località Marina di Bruni con un progetto denominato  “Riqualificazione urbana, mobilità sostenibile ed efficientamento energetico”, per un importo di 5.100.000 euro e consiste nella realizzazione delle strade di piano e del prolungamento del lungomare su tutto il litorale, che collegherà i villaggi turistici.

    Un’altra scheda prevede la realizzazione di un progetto denominato “Adeguamento funzionale ed efficientamento energetico del Palazzetto dello Sport, dello Stadio Comunale e dei campetti polivalenti di Viale Europa e Via Piave” per un importo di 1.500.000 euro.

    Inoltre è stata presentata una terza scheda in forma associata con i  Comuni di Cropani, Andali e Cerva, finalizzata a perseguire lo sviluppo socio economico dei propri territori in una logica di progetto integrato sovracomunale che abbia i suoi elementi cardine nella realizzazione della “via del mare, dell’olio e delle minoranze linguistiche”.

    L’importo previsto è di 3.000.000 di euro. Quest’ultimo progetto nasce dalla consapevolezza degli Amministratori locali che non si può continuare ad avere una visione parcellizzata del territorio, ma è necessario ragionare in modo unitario progettando iniziative per il uno sviluppo omogeneo dell’intero comprensorio.

    I Cis hanno dato la possibilità di confronto tra i comuni, superare i campanilismi e iniziare quel dialogo, oramai obbligatorio per una rinascita sociale ed economica di un territorio troppe volte dimenticato.

    Più informazioni su